rotate-mobile
Protocollo / Olate / Viale Tonale

Sindacati, associazioni e imprese: patto "Lecco 2.0" per la crescita

Il progetto raccoglie il testimone di Network Occupazione Lecco

Un nuovo accordo per Lecco. La Camera di Commercio Como-Lecco ha ospitato la presentazione del nuovo "Patto Lecco 2.0" che raccoglie il testimone di Network Occupazione Lecco. Accordo che ha messo in fila varie realtà del nostro territorio, rappresentate dalle 5 associazioni imprenditoriali Confindustria Lecco e Sondrio (con il presidente Lorenzo Riva e il direttore Giulio Sirtori), Confcommercio Lecco (il presidente Antonio Peccati e il direttore Alberto Riva), Confartigianato Imprese Lecco (il presidente Daniele Riva e il direttore Vittorio Tonini), Api Lecco-Sondrio (il presidente Enrico Vavassori e il direttore Marco Piazza) e Ance Lecco-Sondrio (presente il direttore Paolo Cavallier). Presenti invece per il sindacato Diego Riva, segretario provinciale Cgil Lecco, Mirco Scaccabarozzi, segretario provinciale Cisl Monza Brianza Lecco e Salvatore Monteduro (segretario provinciale Uil del Lario).

Il nuovo patto "Lecco 2.0"

Network Occupazione Lecco ha rappresentato, sin dalla sua nascita, un’esperienza del tutto originale. Le sue finalità generali e gli sforzi profusi nel tempo, hanno permesso di mettere in comune idee e proposte da parte dei diversi soggetti facenti parte, cercando sempre una sintesi tra organizzazioni diverse, pur nell’autonomia di ciascuna. Network ha consentito di essere riconosciuti dalle istituzioni e da tutti gli attori economici e sociali del territorio come un’eccellenza nelle relazioni. Oggi, sulla base del lavoro svolto in questi 25 anni di esperienza, si rende necessario aggiornare luoghi e metodi delle relazioni sindacali alla luce del cambiamento economico e sociale della nostra Provincia di Lecco, provando a fare nuovi passi in avanti.

Il quadro di riferimento territoriale si è profondamente modificato: dall’assetto istituzionale alla nuova struttura della Camera di Commercio Como-Lecco, fino all’emergenza sanitaria, economica e sociale in corso.

L’unificazione delle Camere di Commercio di Como e Lecco è derivata dalla necessità di una comune visione di riferimento e di una programmazione unitaria delle risorse economiche: dei patrimoni culturali e turistici, dei tessuti produttivi presenti sui due territori per gestire meglio le sfide di un mondo sempre più globale, ma che deve essere attento a valorizzare il patrimonio espresso dalle identità locali.

La preoccupazione per le recenti crisi economiche mondiali, quella finanziaria e quella sanitaria, rileva come la soluzione ai problemi non possa che arrivare da una sinergia di idee e azioni messe in campo che presuppongono momenti e luoghi di aggregazione, partecipazione e di elaborazione di proposte.

La nostra Provincia è sottoposta a grandi trasformazioni: sono necessarie risposte nuove nel mondo del lavoro, e anche allo sviluppo e sostegno alle Imprese; in questo senso c’è bisogno di un continuo aggiornamento nella ricerca e nella realizzazione di specifiche azioni di analisi e formative, capaci di prestare attenzione ai bisogni del territorio. Una opportunità può nascere dalle risorse previste dal PNRR che impone momenti di confronti a tutti livelli.

C’è bisogno di rafforzare i momenti di approfondimento comune e di relazioni tra i vari soggetti, anche istituzionali, per provare a dare nuovo impulso alla progettazione territoriale.

In questa difficile fase di innovazioni serve usare tutte le risorse e tutti i mezzi, pubblici e privati, per costruire delle vere opportunità; è necessario “fare rete”, per condividere una visione di sviluppo che guardi oltre gli schemi tradizionali e sia sostenibile, andando verso un vero e proprio patto di comunità.

Il presente Patto, nella sua principale finalità, intende definire struttura, obiettivi e modalità operative della nuova rete “Lecco 2.0”, costituito dalle associazioni che in questi anni hanno fatto parte di Network Occupazione Lecco.

I firmatari condividono di dare forma a una nuova struttura territoriale politica e operativa, che elabori progetti e idee per dare risposte ad un mercato del lavoro in forte cambiamento, per allineare la domanda di competenze richiesta dalle aziende e l’offerta da parte dei lavoratori, per cooperare alla crescita e allo sviluppo delle politiche attive, per disporre strutturalmente di un luogo di confronto sulle tematiche più sensibili per i destini del sistema Lecco, costruendo obiettivi condivisi che abbiano la capacità, tra l’altro, di creare sviluppo circolare e sostenibile.

Patto "Lecco 2.0": gli obiettivi

Il Patto ha lo scopo:

  • di contribuire alla crescita ed allo sviluppo delle politiche attive del lavoro nella Provincia di Lecco, e delle attività ad esse collegate nel mondo del lavoro e della scuola, ai diversi livelli ed in ogni settore dove ciò sia applicabile;
  • di ampliare la conoscenza del mercato del lavoro locale, con l’utilizzo di appositi strumenti informatici per un continuo monitoraggio ed aggiornamento del quadro di riferimento;
  • di promuovere e sviluppare studi e ricerche, servizi ed iniziative nel campo del mercato del lavoro, della formazione, del supporto alla creazione di nuove attività imprenditoriali, dell’evoluzione delle nuove professionalità e nuovi lavori. Ricercando strumenti in proprio, in collaborazioni o in affiancamento a terzi siano questi Enti, Associazioni, Fondazioni od altre strutture pubbliche o private,
  • di promuovere la programmazione e l’organizzazione di dibattiti, conferenze, seminari, convegni, scambi culturali;
  • di realizzare, infine, tutto quanto i soggetti firmatari insieme, ritengano possa esse utile direttamente o indirettamente, al miglior conseguimento degli scopi prefissati.
  • di costruire e/o creare opportunità finalizzate a determinare avanzamenti nella catena del valore;

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindacati, associazioni e imprese: patto "Lecco 2.0" per la crescita

LeccoToday è in caricamento