menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Rifugio Madonna della Neve in Val Biandino

Il Rifugio Madonna della Neve in Val Biandino

Val Biandino: il Rifugio Madonna della Neve cerca un gestore

La storica struttura valsassinese è chiusa dal 2015

Chiuso da fine 2015, il Rifugio Madonna della Neve in Val Biandino sta cercando un gestore. 
Di proprietà della Parrocchia Sant’Antonio Abate di Introbio, è situato nel centro della Val Biandino, ed è adiacente ad alcune baite e al Santuario della Madonna della Neve , l’edificio religioso simbolo della valle, costruito nel 1670, meta ogni anno di una partecipata processione (5 agosto) in ricordo di quella dell’anno 1836 che salvò il paese da una violenta epidemia di colera. 
Questo piccolo aggregato di case è interamente circondato da ampi pascoli erbosi, nei quali si trovano grandi mandrie di bovini durante la stagione estiva. 
Dal rifugio, in tutte le stagioni, si possono fare magnifiche passeggiate di tutte le difficoltà, come raggiungere il magnifico Lago di Sasso, i rifugi Grassi, Santa Rita e FALC, e il famoso Pizzo dei Tre Signori. 
Il rifugio è dotato di una sala ristorante rustica e camere, da due, quattro o sei letti a castello, riscaldate. 
Tutti coloro che sono interessati alla gestione del rifugio, sono pregati di compilare il modulo e farlo pervenire entro il 30 aprile 2018 in busta chiusa tramite RR al seguente indirizzo: 

Parrocchia Sant’Antonio Abate
Casella Postale 62
23815 Introbio LC

oppure inviandolo via mail a: introbio@chiesadimilano.it

Gli interessati verranno successivamente contattati per un incontro con alcuni membri del Consiglio Affari Economici. 
La parrocchia si riserva di valutare ogni singola proposta e di scegliere la soluzione che riterrà più opportuna. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento