menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Videolottery e Slot machine, nel 2016 a Lecco spesi 72 milioni di euro

Inchiesta del Gruppo L'Espresso: nel capoluogo volumi di giocate dimezzati in dodici mesi, ma la cifra resta alta. Lo scorso anno in città presenti 346 apparecchi

Lecco e la sua provincia continuano a essere un territorio fortemente caratterizzato dal gioco e in particolare dalle slot machine. Un fenomeno che spesso, e per una non secondaria fetta di popolazione, può diventare una vera piaga, con risvolti drammatici dal punto di vista sociale e sanitario.
Un'interessante inchiesta del Gruppo Espresso dal titolo "L'Italia delle slot", consultabile qui, consente di verificare la quantità di giocate pro-capite in ogni singola città. I dati si riferiscono all'anno 2016.
È opportuno ricordare che le slot si dividono in due categorie: le "Vlt" o videolottery sono apparecchi che accettano anche banconote, sono collocate in locali appositi e prevedono vincite più alte delle cosiddette "Awp", le new slot, in grado invece di ricevere solo monete e presenti anche in bar e tabaccherie.

Lecco, spesi 1.504 euro per abitante
Nel capoluogo, l'ammontare delle giocate nel 2016 è di 72,42 milioni di euro, per una giocata pro-capite di 1.504 euro, così investiti: 38, 1 nelle "Awp" e 34,3 nelle "Vlt". In città, nello scorso anno solare, erano attivi 346 apparecchi, 285 videolottery e 61 new slot. Ovvero 7,2 ogni mille abitanti.
Interessante è il raffronto con il 2015: Lecco ha visto calare il volume di giocate complessive del 53,9%, nonostante ad esempio sia aumentato il numero di "Vlt" del 5,2%. Nel 2015, infatti, i lecchesi giocarono una media di 3.270 euro a testa. Numeri, quelli dello scorso anno solare, che pongono comunque la nostra città sotto la media virtuosa della Lombardia, se si pensa che a Milano il dato si ferma a 1.050 euro pro-capite. In linea, invece, con la media italiana di 1.583. Per avere un'idea di cosa significhi, basta confrontarlo con la spesa media annua per i libri, che ammonta a 58,8 euro per abitante.

È di Colico il record negativo
Guardando al territorio, si oscilla quasi sempre sotto la soglia dei 1.000 euro, soprattutto nei comuni più piccoli o in zone lontane dal capoluogo, per esempio in Valsassina. Diverso è il discorso in Brianza, specie a Merate (1.807), anche se "l'isola infelice" parebbe essere Colico, con una giocata per ogni suo abitante pari a 3.046 euro. In tutto, nel 2016 nel comune dell'Altolago sono stati spesi quasi 24 milioni, un terzo della cifra investita a Lecco ma in un paese otto volte meno abitato. E con "sole" 88 macchinette a disposizione.

Così nei principali comuni del territorio (giocate pro-capite in euro):
Ballabio 531
Bellano 973
Calolziocorte 679
Casatenovo 549 
Colico 3.046
Galbiate 172
Mandello 573
Merate 1.807
Lecco 1.504

Olginate 646
Oggiono 741

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento