menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La femmina della Torymus sinensis

La femmina della Torymus sinensis

In aiuto della coltivazione dei castagneti arriva la "Vespa sceriffo"!

Per preservare la diffusione di questo insetto non rimuovere rami, scarti di potatura o foglie dal bosco e dalle selve castanili fino alla fine di maggio

L'associazione Catanicoltori del Lario Orientale e la Comunità Montana del Lario Orentale e Valle San Martino informano di non bruciare rami e foglie di castagno fino alla fine di Maggio.
Nei boschi dell lecchese è finalmente arrivata la "Vespa sceriffo" Torymus sinensis unico predatore del temibile "Cinipide galligene" una delle principali cause di deperimento per gli alberi di castagno.
Se vogliamo aiutare la "vespa sceriffo" a restare nei nostri boschi non bisogna assolutamente rimuovere rami, scarti di potatura o foglie dal bosco e dalle selve castanili fino alla fine di Maggio.

Per infomazioni: www.associazionecastanicoltorilarioorientale.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento