Con le attività estive di Living Land la comunità Ri-Vive

Potranno partecipare fino a 300 ragazzi residenti nei comuni degli Ambiti di Lecco e di Bellano. Le attività saranno svolte nel rispetto delle “Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità di socialità nella Fase 2 dell’emergenza Covid-19”

Alcuni ragazzi di Living Land al lavoro (foto di repertorio).

Dopo un periodo molto complicato la comunità torna a rivivere e lo fa anche attraverso le attività estive di Living Land. Viste le tante difficoltà e i dubbi legati alla possibilità di spostarsi e riunirsi in sicurezza, non era scontato che per quest’anno potesse essere promossa l’iniziativa che ogni estate coinvolge centinaia di ragazzi nei territori del lecchese e del bellanese, ma nonostante l’incertezza iniziale tantissimi sono stati i Comuni ad aderire alla proposta. Così anche “nell’anno della pandemia” per 300 ragazzi residenti nei Comuni dell’Ambito di Lecco e in quelli dell’Ambito di Bellano ci sarà la possibilità di partecipare - tra il 29 giugno e il 7 agosto - alle esperienze di estive di Living Land promosse dalla Cooperativa Consolida, misurandosi con tante attività: nove nel Bellanese e oltre venti nel Lecchese.

Le attività

Riqualifica degli spazi ritrovati, riscoperta e cura delle bellezze del territorio, attività di pubblica utilità (come l’aiuto nell’allestimento delle scuole in vista di settembre e il posizionamento della segnaletica per la prevenzione del Covid-19), attività in agriturismo e negli orti sociali: come sempre si tratta di iniziative pensate per gli adolescenti, che oggi più che mai si vestono di significati nuovi e importanti.

«Dopo questo lungo periodo di isolamento sociale, infatti, le proposte di Living Land possono rappresentare una sorta di ripartenza, una prima interessante occasione per molti giovani del territorio di ritrovarsi e riscoprirsi protagonisti - spiegano gli roganizzatori in una nota stampa - Durante questi mesi di isolamento gli adolescenti e i giovani del territorio hanno dimostrato un forte senso di responsabilità civica, limitando gli spostamenti e accettando le prescrizioni. La consapevolezza dell’importanza del proprio ruolo maturata durante questa fase di emergenza, potrà ulteriormente essere consolidata quest’estate. Living Land rappresenterà non solo la possibilità di “essere utili”, ma probabilmente anche la prima occasione per tornare ad essere attivi: attraverso il lavoro e l’operatività i ragazzi potranno ridefinire e dare significato al proprio ruolo, ripartendo da obiettivi condivisi con i propri coetanei, con gli adulti di riferimento e con le istituzioni del territorio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Otto nuovi box per la restituzione dei libri in altrettante biblioteche del territorio lecchese

Tutte le attività saranno svolte nel rispetto delle “Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza Covid-19”, in particolare è previsto l’uso dei dispositivi di protezione individuale e lo svolgimento delle attività prevalentemente all'aperto. Nei prossimi giorni i Comuni coinvolti pubblicheranno i bandi dell’estate 2020, dove saranno indicate tutte le informazioni necessarie per inviare la propria candidatura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Ferrovie, sulla Milano-Lecco debutta il treno Caravaggio: «Investimento triennale da un miliardo e mezzo»

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

  • Ospedale di Lecco, «in caso di necessità pronti ad accogliere 200 pazienti covid»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento