rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Notizie

Dopo sette anni i Vintage Violence tornano con un nuovo album

Nel 2014 la band mandellese ottenne il successo di critica con Senza paura delle rovine", il 19 novembre pubblicherà "Mono". Già disponibile l'intenso singolo "Zoloft"

Sette anni dopo, tornano i Vintage Violence. Una delle band più amate del circuito rock underground italiano si ripropone al pubblico con un nuovo album, Mono. I quattro musicisti di Mandello non pubblicavano un lavoro intero dal 2014, anno in cui diedero alle stampe (e al digitale) Senza paura delle rovine.

Per ascoltare Zoloft

Il 19 novembre uscirà l'album, ma è già disponibile il nuovo singolo di lancio, Zoloft, che segue poche settimane più tardi Piccolo tramonto interiore. Zoloft è con ogni probabilità uno dei pezzi più profondi dell'album (musica e testi sono di Rocco Arienti), che riflette sul nostro rapporto con la morte e con la vita ma anche con i dubbi e le paure esistenziali, spesso in maniera più che provocatoria come ai Vintage Violence da sempre piace fare. Zoloft è un "canto che alla noia preferisce la paura", e l'inquietudine da cui muove è percepita per intero nell'intenso finale in cui il brano scatta "come la scintilla che precede lo schianto", con le chitarre tirate accompagnate dagli archi di Nicola Manzan (Il Teatro Degli Orrori, Bologna Violenta) per un momento di rara catarsi rock.

Vintage Violence Mono-2

La tracklist dell'album

1. Piccolo tramonto interiore
2. Have a Nietzsche Day
3. Dio è un batterista
4. Zoloft
5. Paura dell'Islam
6. Prato fiorito
7. Capiscimi II
8. Astronauta
9. Dicono di noi
10. La chiave

Chi sono i Vintage Violence

I Vintage Violence sono una rock band italiana nata a Lecco nel 2001. Con il primo album in italiano Psicodramma la band vince le selezioni di Arezzo Wave e partecipa al festival nell'estate 2005. Il singolo Cristina viene pubblicato da Rocksound in 35.000 copie allegate alla rivista. Nel 2006 la band raggiunge le finali nazionali di Rock Targato Italia e Sanremo Rock e va in tour con il collettivo milanese Cadaveri a Passeggio. Nel 2007 pubblica l'EP Cinema (Goodfellas) e il DVD del videoclip Le cose cambiano, finalista del concorso nazionale Nickelclip per video indipendenti. Nel 2011 i Vintage Violence pubblicano per Popolar Records Piccoli intrattenimenti musicali: undici pezzi inediti, per un disco stampato anche in vinile e accompagnato da 11 videoclip autoprodotti a costo zero. Inizia un tour lungo tutto il territorio nazionale, che porterà la band a condividere il palco con gruppi quali Il Teatro Degli Orrori, Ministri, Vallanzaska e One Dimensional Man. Nel 2012 la band vince il primo premio assegnato dall'Anpi al brano Il processo di Benito Mussolini come migliore canzone sul tema della lotta di liberazione partigiana e il rilancio dei valori della Resistenza. Nel 2014 esce Senza paura delle rovine, con la partecipazione di Enrico Gabrielli (Afterhours) e Karim Qqru (Zen Circus), disco acclamato dalla critica che ne parla come di "un disco da sangue al naso" (Rockit), e ancora "il primo ascolto stordisce, il secondo affascina" (Rockerilla), "non ha cedimenti" (Blowup) e "una delle migliori interpretazioni del rock moderno con cantato italiano" (Rock Garage). Nel 2018 i Vintage Violence registrano il primo album in acustico, Senza barrè, che rivisita i pezzi di Piccoli intrattenimenti musicali e Senza paura delle rovine. Con l'uscita dei singoli Piccolo tramonto interiore e Zoloft, la band annuncia per il 19 novembre 2021 l'uscita del tanto atteso nuovo album Mono, sempre in collaborazione con Maninalto! Records.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo sette anni i Vintage Violence tornano con un nuovo album

LeccoToday è in caricamento