rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Notizie Cortenova

Corsisti del Politecnico "studiano" le frane di Bindo e del Rossiga

Preziosa visita, lo scorso 4 maggio, per 19 studenti del corso di laurea in Ingegneria civile per la mitigazione del rischio

Studenti del Politecnico di Lecco alle frane di Bindo e del Rossiga. Giovedì 4 maggio si è svolto il workshop sul dissesto idrogeologico con una visita tecnica delle purtroppo celebri frane che ha coinvolto 19 studenti del corso di laurea in Ingegneria civile per la mitigazione del rischio, nell'ambito dell'insegnamento Tecniche di monitoraggio del dissesto idrogeologico condotto dalle professoresse Laura Longoni e Cristiana Achille.

Il sodalizio tra il Polo di Lecco e la Protezione civile si arricchisce di questa "esperienza sul campo" che consolida e rinsalda ulteriormente la collaborazione esistente tra Politecnico e il nostro territorio esposto a un rischio idrogeologico elevato a causa di eventi meteorologici sempre più intensi che impattano su montagne e corsi d'acqua. 

Gli studenti, accompagnati dai volontari della Protezione civile, dall'ingegnere Monica Cameroni, dirigente responsabile Pc del Comune di Lecco e dall'ex sindaco di Cortenova Luigi Melesi, hanno effettuato un sopralluogo sul luogo del dissesto, costituito da un accumulo di paleofrana di circa 40 milioni di metri cubi, che si è riattivato nel dicembre 2002 in seguito a eventi meteorici eccezionali. Le frane hanno interessato due diverse località: la prima nell'area della frazione di Bindo, mobilizzando un volume di oltre 1.100.000 m3, ha distrutto completamente diverse abitazioni e fabbriche e ha invaso la Provinciale; l'altra, nella vicina Val Rossiga, ha prodotto quattro colate detritiche per complessivi 200mila m3 che hanno invaso l'alveo torrentizio e danneggiato alcune attività.

Dimostrazioni a cura degli esperti

Gli esperti hanno mostrato, oltre ai lavori di sistemazione dei versanti e regimazione delle acque, il posizionamento, il funzionamento e la manutenzione di una rete di monitoraggio installata con finalità di allarmistica, basata su misure inclinometriche, piezometriche, distometriche e topografiche che ha riguardato sia l'area di Bindo che la Valle Rossiga.

Grande soddisfazione è stata espressa dagli studenti partecipanti a tale iniziativa didattica, inserita in un contesto dall'alto contenuto formativo e applicativo: hanno potuto osservare personalmente le soluzioni adottate nelle diverse tipologie di dissesto a partire dalla gestione dell'emergenza fino alla definizione delle soglie di allarme attraverso i sofisticati sistemi di monitoraggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsisti del Politecnico "studiano" le frane di Bindo e del Rossiga

LeccoToday è in caricamento