Soccorso e protezione civile, pronta la piazzola di Perledo

Verrà inaugurata domani, venerdì 20 luglio alle ore 21, la nuova piazzola per l'elicottero. Signorelli (Comunità montana): «Opera fondamentale per il nostro territorio»

Il sindaco di Perledo De Gianbattista con il presidente della Comunità montana sulla piazzola Signorelli

Un altro momento importante nella gestione delle emergenze di soccorso sanitario e protezione civile nel nostro territorio. Verrà inaugurata domani, venerdì 20 luglio alle ore 21, la nuova piazzola per l'elicottero a Perledo. 
Parteciperanno alla cerimonia il prefetto di Lecco, il direttore generale di Areu, il direttore generale dell'Ats, rappresentanti della Regione, il presidente e il vicepresidente della Comunità montana della Valsassina e, naturalmente, il sindaco di Perledo Ferdinando De Gianbattista.

«L'elisuperficie in località Bologna - sottolinea il presidente della Comunità montana Carlo Signorelli - allarga la rete delle infrastrutture per i servizi di elisoccorso che sono sempre più una parte integrante della rete di emergenza e urgenza della Regione Lombardia, affidata ad Areu, che è una delle più avanzate d'Europa. Inoltre questa piazzola rappresenta un'opportunità anche per i servizi di protezione civile e in particolare come base per il servizio antincendio. E forse, in futuro, se ne potrà valutare anche l'utilizzo turistico, soprattutto per i comuni rivieraschi, considerando il facile accesso viabilistico e le caratteristiche aeronautiche favorevoli. Quando quest'opera fu progettata le piazzole adibite agli atterraggi notturni erano due in tutta la provincia di Lecco, ora sono salite a 42, quasi tutte nel territorio della nostra Comunità Montana. Ciò, grazie alla modifica della normativa aeronautica, alle nuove tecnologie (Nvg), alla cresciuta sensibilità degli amministratori locali e allo sforzo di Areu». 

Salgono a 47 le elipiazzole per atterraggi d'emergenza

«Come spesso accade un'opera pubblica richiede tempi di realizzazione più lunghi rispetto a quelli previsti; tuttavia, in questo caso, l'allungamento ha consentito di fruire della semplificazione delle normative aeronautiche con un consistente risparmio economico. Ed è stata l'occasione per lavori e migliorie nella frazione turistica di Bologna, in primis il rifacimento della strada di accesso con la sua asfaltatura, illuminazione e l'installazione dei guardrail di sicurezza. Un segnale di attenzione a una zona ad alta ricettività turistica. Un ringraziamento ai progettisti, ai consulenti, alle imprese, agli enti preposti al rilascio dei permessi e Regione Lombardia - in particolare il dg di Areu Alberto Zoli - per il supporto economico e tecnico nelle diverse fasi. Le opere conclusive sono state realizzate nell'ambito di un accordo di programma con la Regione, sottoscritto anche dalla nostra Comunità montana e dalla Provincia di Lecco, all'interno di un progetto speciale legato ai fondi per Wikimania».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Latitante da 15 anni, preso a Milano il re dei documenti nato nel Lecchese

  • "Black Ink": riciclaggio e bancarotta, truffa da trentacinque milioni. In dodici finiscono nei guai

  • Statale 36: brutto incidente prima della "San Martino", serie le condizioni di un'automobilista

  • Come far durare più a lungo la tinta per capelli

  • Scomparso 32enne: ricerche in corso sul Monte Moregallo

  • Torna il maltempo: nel Lecchese scattano ben tre allerte

Torna su
LeccoToday è in caricamento