Notizie

Solidarietà: raccolti oltre 11mila euro per una scuola armena

Si è conclusa con successo la raccolta fondi proposta dall'associazione Amici Lecco-Vanadzor Italia Armenia. Fondamentale il contributo della Fondazione comunitaria del Lecchese

La solidarietà dei lecchesi nei confronti del popolo armeno non è solo ideale, ma anche concreta. L'associazione Amici Lecco-Vanadzor Italia Armenia ha comunicato che, grazie al coinvolgimento della Fondazione comunitaria del Lecchese, è stata raccolta una cifra di 11.036 euro che verrà devoluta alla scuola n° 19 di Vanadzor.

"È un risultato significativo che fa onore alla cittadinanza del nostro territorio, che ha voluto rinnovare il ricordo e l'amicizia con il popolo armeno gravemente colpito dal tragico terremoto del 7 dicembre 1988, con la costruzione di un plesso scolastico, e oggi dall'aggressione militare subita dall'esercito azero il 27 Settembre 2021 - spiega il presidente Sergio Fenaroli - È stata una nostra scelta quella di proporre una raccolta fondi, in quanto riteniamo che l'amicizia e la vicinanza si debbano manifestare nei momenti più difficili. Il nostro impegno tuttavia continuerà nel tempo. In particolare nelle scuole di ogni grado del nostro territorio grazie a una 'mostra itinerante' che fissa la nostra esperienza solidale e di vicinanza alla storia e alla cultura Armena".

Per donare ancora

L'associazione inoltre ha concordato con la Fondazione comunitaria del Lecchese di mantenere aperto il canale di raccolta fondi; pertanto ogni cittadino, associazione, azienda o altri soggetti potranno continuare a versare il loro contributo sul c/c Codice IBAN: IT 28Z0306909606100000003286 casuale 'Solidarietà Armenia'.

"La nostra iniziativa e disponibilità è rivolta pure alle Amministrazioni comunali che vorranno favorire la conoscenza della storia di questo popolo molto affine alla nostra in particolare dal punto di vista religioso: in effetti fu il primo Stato a riconoscersi nella religione cristiana dal 301 d.C - prosegue Fenaroli - Un popolo che malgrado le invasioni e il dominio subito dagli imperi romano e persiano, ottomano e zarista, sino a subire il genocidio del 1915, continua a rivendicare il proprio diritto all'esistenza e di vivere in pace: in questo troverà in noi dei veri e autentici amici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Solidarietà: raccolti oltre 11mila euro per una scuola armena
LeccoToday è in caricamento