rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Notizie Alto e Basso Lago / Viale Giovanni Polvani, 4

Villa Monastero offre al pubblico uno straordinario dipinto del Cinquecento

Iniziativa speciale in occasione della Giornata internazionale dei musei: l'opera a finto arazzo, appartenente alla collezione del museo, fu realizzata dal pittore bolognese Guido Reni e non è mai stata mostrata

Villa Monastero offre al pubblico uno straordinario dipinto del Cinquecento. In occasione della Giornata internazionale dei musei Icom 2022, che si celebra il 18 maggio e alla quale la Casa Museo di Varenna aderisce tutti gli anni, la Provincia di Lecco ha programmato un’iniziativa speciale.

Da oggi, infatti, i visitatori della dimora potranno ammirare il raro e inedito dipinto a finto arazzo, per la prima volta esposto al pubblico, che raffigura il Carro di Apollo e Aurora, appartenente alle collezioni del museo.

L'opera è tratta dall'omonimo affresco del pittore bolognese Guido Reni (1575-1642) realizzato nel 1614 sul soffitto del Casino Pallavicini Rospigliosi di Roma, decorato con rilievi di sarcofagi romani dei secoli II e III, legati al tema della morte e dell'amore, eretto sulle rovine delle Terme di Costantino dal potente cardinale Scipione Borghese, protettore di Caravaggio e grande collezionista, nipote di papa Paolo V che risiedeva nel vicino Quirinale.

Fra i capolavori del Classicismo romano dell'epoca barocca

L'affresco di questo straordinario artista bolognese, del quale ricorre il 380° anniversario della morte, operoso a Roma nella decorazione dei palazzi vaticani, nelle Marche, a Mantova e a Napoli, è considerato uno dei capolavori del Classicismo romano dell'epoca barocca.

La versione varennese è un'interessante trasposizione dell'800 realizzata a finto arazzo su tela di imponenti dimensioni, oltre 3 metri di lunghezza, in tutto corrispondente, nel soggetto e nella disposizione dei personaggi, all'originale.

I personaggi mitologici raffigurano, come evidenzia il Conservatore del museo Anna Ranzi, Apollo che guida il carro d'oro del sole, trainato da quattro cavalli che si librano nell'aria, preceduto da Aurora che scaccia l'oscurità, affiancata da un putto con una fiamma ardente che illumina la scena e che rappresenta il crepuscolo, mentre le Ore danzano intorno al Sole.

Il soggetto deriva da analoghe composizioni ideate da Raffaello, ma rivisitate in chiave bolognese dal Reni. Questi temi mitologici vengono apprezzati e riproposti anche durante il Neoclassicismo e nel corso del secolo XIX, come testimonia questa versione tardo ottocentesca.

L'opera, ricollocata per questa occasione nell'atrio di ingresso dello scalone della villa, era situata in un altro ambiente non visibile al pubblico. "Questo evento - sottolineano la presidente della Provincia di Lecco Alessandra Hofmann e la consigliera provinciale delegata alla Cultura, Turismo e Villa Monastero Fiorenza Albani - costituisce un'occasione speciale per ammirare un'opera interessante e inedita, proposta nell'importante appuntamento annuale dedicato alla Giornata internazionale dei musei, che rimarrà per sempre a disposizione dei visitatori. Una preziosa testimonianza sul lago di Como di un'opera così nota, apprezzata anche dal collezionismo eclettico. Questo nuovo intervento è rivolto alla valorizzazione del museo che la Provincia di Lecco sostiene costantemente, proponendo iniziative di alto profilo culturale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Monastero offre al pubblico uno straordinario dipinto del Cinquecento

LeccoToday è in caricamento