rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Verso il voto

Elezioni regionali: Riccardo De Corato fa strada a La Russa

L'assessore lombardo alla sicurezza è candidato alle Politiche del prossimo 25 settembre: il rimpasto voluto da Giorgia Meloni

Rimpasto nella Giunta regionale in vista delle Politiche del 25 settembre. Regione Lombardia "cede" Riccardo De Corato, che lunedì si dimetterà da assessore regionale alla sicurezza: al suo posto dovrebbe arrivare Romano La Russa, fratello del noto Ignazio. A stabilire il rimpasto anticipato, in vista delle elezioni, è stata la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. I cambi di poltrona sarebbero comunque stati necessari all'indomani della tornata elettorale, quando il governatore lombardo Attilio Fontana si troverà a dover sostituire gli assessori eletti in Parlamento, oltre che a trovare le nomine più favorevoli alle prossime regionali in calendario nel corso dei primi mesi del 2023. 

De Corato-La Russa: i motivi del cambio

De Corato lascia quindi la poltrona di assessore, tornando a essere temporaneamente un consigliere. Il seggio è dato quasi per certo in Parlamento: è candidato nel collegio uninominale di Rozzano per la Camera, dove il centrodestra dovrebbe avere vantaggio sul centrosinistra. Nel piano della Meloni, inoltre, La Russa 'junior', potrebbe diventare il volto dI FdI per il voto in Lombardia. 

Consigliere comunale a Cinisello Balsamo e a Sesto San Giovanni, Romano La Russa è stato europarlamentare nel 2004 e assessore all'Industria e alla Sicurezza con la giunta di Roberto Formigoni.

Il "Modello Lecco" per le stazioni

Il protocollo ‘stazioni sicure’ piace. Sottoscritto per la prima volta il 22 settembre 2021 a Lecco, ha fatto scuola sul nostro territorio e non solo. Come annunciato a marzo 2022, altre dieci amministrazioni comunali lecchesi hanno recentemente aderito al protocollo, che ha l'obiettivo di aumentare la sicurezza sulla tratta ferroviaria Milano-Lecco, a bordo treno e nelle stazioni, attraverso il servizio delle Polizie locali in sinergia con le Forze dell'ordine.

L'adesione dei Comuni è contenuta in una delibera approvata ad aprile in Giunta regionale su proposta dell'assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato. Ad oggi sono in tutto 26 le amministrazioni che hanno aderito al protocollo siglato nel 2021, tra Regione, Prefettura di Lecco e Trenord. I nuovi Comuni aderenti sono Osnago, Oggiono, Valmadrera, Civate, Malgrate, Molteno, Rogeno, Cassago Brianza, Galbiate e Nibionno. “Comuni che - ha voluto precisare l'assessore De Corato - insistono sulla linea ferroviaria Lecco-Molteno-Milano e che si aggiungono alle 16 amministrazioni comunali che già hanno sottoscritto il progetto”.

Il protocollo ‘stazioni sicure’

I servizi sono svolti, soprattutto nelle ore serali, dalle Polizie locali, nelle stazioni dei Comuni aderenti, con Lecco svolge le funzioni di ente capofila, e, quando non sono presidiate dalla Polizia ferroviaria, in coordinamento con le Centrali Operative della Questura e dell’Arma dei Carabinieri nonché con il Centro Operativo Compartimentale della Polizia Ferroviaria della Lombardia. 

55mila euro dalla Regione

Nel Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica saranno individuate e valutate le criticità nelle aree oggetto dell’Accordo e disposta l’attuazione dei servizi di prevenzione, controllo e contrasto dei fenomeni illegali con il coinvolgimento delle Polizie Locali. La Prefettura di Lecco manterrà e svilupperà, d’intesa con i Sindaci, scambi di informazioni tra le Forze di polizia e le Polizie Locali, sulle materie oggetto dell’attività coordinata. Regione Lombardia ha messo a disposizione, per lo svolgimento dei predetti servizi straordinari, specifiche risorse finanziarie, per un importo complessivo di 55mila euro per la copertura delle spese straordinarie del personale della Polizia locale. La società Trenord fornirà al Compartimento Polizia Ferroviaria e alle Polizie locali coinvolte tutte le informazioni utili e agevolerà la connessione con la sala operativa d’esercizio, mediante le dotazioni tecnologiche in uso (telefoni, hardware e software) e quelle che saranno successivamente sviluppate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni regionali: Riccardo De Corato fa strada a La Russa

LeccoToday è in caricamento