Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

Lecco, Michela Vittoria Brambilla "Appello all'unità, ma con coerenza"

"Non vi sono preclusioni - sottolinea l'onorevole e commissario provinciale di Forza Italia - ma il Ncd deve prendere le distanze dalla sinistra e dal governo delle tasse e dell'"ingresso libero" ai clandestini".

“Lecco merita un governo efficiente e coerente con la cultura politica moderata e riformatrice tradizionalmente maggioritaria nella nostra comunità. La risposta giusta è un nuovo patto tra i partiti ex Pdl e la Lega, non certo la trasposizione a livello locale dell’anomala alleanza romana che produce tasse, importa immigrati e non riesce a trascinare l’Italia fuori dalle secche della crisi. Non vi sono preclusioni, ma il Ncd deve prendere le distanze dalla sinistra e dal governo delle tasse e dell’”ingresso libero” ai clandestini”.

L’on. Michela Vittoria Brambilla, commissario provinciale di FI, tende la mano a tutte le forze del centrodestra “purché siano coerenti” e taglino i ponti con la sinistra “parolaia e inconcludente” di Renzi. "Forza Italia è il partito di maggioranza relativa nel centrodestra e il secondo partito in città, facciamo un appello all'unità e puntiamo ad una lista di tutto il centro destra. Forza Italia è pronta a dialogare con la Lega, Ncd e Fratelli di Italia. Allo stesso tempo vogliamo creare un forte coinvolgimento della società civile: nuove risorse e nuove professionalità che possano entrare nelle nostre liste, persone qualificate che abbiamo voglia di dare un contributo al governo della città."

“Le elezioni comunali a Lecco, e più in generale la tornata amministrativa dell’anno prossimo – avverte l’on. Brambilla - saranno un importante banco di prova per l’unità del centrodestra in Lombardia e nel Paese. Non c’è tempo da perdere. Fin d’ora, a tutti i livelli, occorre lavorare ad un nuovo patto tra le forze politiche ex Pdl e la Lega. Forza Italia, che del centrodestra è l'architrave, punta convintamente su questa formula per dare a Lecco un governo efficiente e coerente con il tradizionale orientamento politico, moderato e riformista, dell’elettorato. E‘ l’obiettivo che perseguiamo, senza pregiudizi né pregiudiziali, sulla base di priorità programmatiche come il lavoro, la sicurezza, le deroghe al patto di stabilità che costringe anche le amministrazioni locali a compiere scelte dolorose e punitive per i cittadini e tutte le altre che vogliamo discutere con chi ci sta. Non vi sono riserve neppure sul nome del candidato sindaco: un identikit tutto da definire. Ma il presupposto irrinunciabile dell’unità è la coerenza. Il sinistra-centro che governa a Roma è una formula irripetibile e contraddittoria, che fa acqua da tutte le parti e in Parlamento è stata capace di approvare ben pochi provvedimenti quasi sempre ricorrendo allo strumento intimidatorio della fiducia. Cessino quindi le polemiche e si smetta di cercare di dividere il centrodestra. Ndc prenda piuttosto le distanze della politica del governo, che schiaccia gli italiani sotto il peso delle tasse (solo quelle sulla casa sono aumentate in tre anni del 200 per cento) e, incapace di richiamare davvero l’attenzione dell’ Europa, prima illude decine di migliaia di disperati con la fallimentare e costosissima operazione “Mare nostrum”, poi tenta di ingannare gli italiani lasciando credere che le cose cambieranno con “Frontex plus”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecco, Michela Vittoria Brambilla "Appello all'unità, ma con coerenza"

LeccoToday è in caricamento