Politica

Lecco, cittadinanza attiva: pronto il regolamento

Le finalità sono, ad esempio: la salvaguardia, la cura e il recupero dei beni comuni

La commissione I ha discusso - nella seduta di mercoledì 27 aprile - un documento "in grado di cambiare radicalmente le possibilità offerte in termini di collaborazione tra cittadini attivi, in forma singola o associata, e l'amministrazione comunale". Le finalità, ad esempio: la salvaguardia, la cura e il recupero dei beni comuni.

Il regolamento, risultato di un dibattito alquanto intenso, sarà - ora - portato all'attenzione di tutti i consiglieri per l'approvazione (con possibilità di proporre emendamenti al testo) nel corso della prima seduta di Consiglio comunale utile.

«Sono sinceramente emozionato e fiero. - ha commentato Corrado Valsecchi, assessore al patrimonio, al decoro urbano e ai lavori pubblici - L'amministrazione comunale sta per varare un regolamento che finalmente facilita il contributo che la cittadinanza attiva e le associazioni possono portare alla cura e alla salvaguardia del bene comune».

«Questo regolamente consentirà ai cittadini di fare proposte concrete e di essere aiutati nei percorsi, spesso tortuosi, della burocrazia per ottenere la gestione di un restauro conservativo di un monumento, l'affidamento di uno spazio verde o di una rotonda, la cura di un parco o di un marciapiede. Le possibilità di collaborazione, le proposte e il patto di collaborazione, le gestioni condivise e il baratto amministrativo che consentirà, in alcuni casi, agevolazioni ed esenzioni tributarie, sono codificare in questo testo e per i cittadini sarà presto più facile promuovere attività in favore della propria città».

Il documento: regolamento baratto amministrativo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecco, cittadinanza attiva: pronto il regolamento

LeccoToday è in caricamento