menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ilaria Borletti

Ilaria Borletti

Ponte Vecchio, il sott. Borletti: "Io lo chiuderei"

Ilaria Borletti, sottosegretario ai Beni Culturali, quest'oggi ha visitato la città e ha tenuto un incontro presso il Politecnico

Si chiude con una provocazione la visita a Lecco del sottosegretario ai Beni Culturali Ilaria Borletti, che quest'oggi si è soffermata particolarmente presso il ponte Vecchio, da anni ormai al centro del dibattito tra il capoluogo e i comuni limitrofi.
"Io lo chiuderei proprio al traffico veicolare" è il messaggio lanciato dalla Borletti: difficilmente attuabile, idea sicuramente che farebbe discutere per ulteriori anni in un clima già di per sè rovente, con il sindaco di Pescate De Capitani pronto a nuova chiusura.

Accolta dall'onorevole Fragomeli e dal sindaco Virginio Brivio, la dottoressa ha poi tenuto un incontro presso l'aula B.02 del Politecnico: "Bisogna pensare ad una progettualità di livello più alto, ma purtroppo siamo in Italia e si vuole investire nella cultura destinando esclusivamente nuovi tagli ai fondi messa a nostra disposizione. Purtroppo la mia è solo una voce nel deserto...", le parole altrettanto critiche della stessa Borletti.

Prima del suo discorso è stato illustrato il progetto che prevede la risutruttrazione e la valorizzazione del ponte Vecchio: presenti il Prefetto Liliana Baccari, il presidente della Camera di Commercio Vico Valassi, la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio rappresentata dall'architetto Chiara Rostagno, la Provincia di Lecco e i sindaci dei comuni limitrofi, coinvolti nel progetto “Lecco Medievale”, il presidente del Parco Monte Barro Federico Bonifacio e Romano Negri della fondazione Cariplo, altro partner dell’iniziativa.
A presentarlo sono stati il professor Marco Di Prisco e la stessa architetto Rostagno, che hanno anche tracciato una storigrafia del ponte Vecchio: costruito nel 1336 da Azzone Visconti, ancora ad oggi gode di una grande fama per il suo perfetto incastonamento a livello paesaggistico e la sua crucialità a livello viabilistico.

Un milione e mezzo è stato già stanziato per la realizzazione del progetto, ma altri 770mila euro sono stati finanziati da Fondazione Cariplo; al termine dell'incontro il sindaco Brivio ha regalato al sottosegretario una stampa orginale del Ponte Azzone Visconti del 1891.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento