rotate-mobile
Politica Calolziocorte

Calolzio, la seduta del consiglio comunale sui migranti finisce quasi in rissa

L'assessore Paolo Cola e il segretario della Lega Nord Paolo Nogara sono quasi venuti alle mani

E' stato un consiglio comunale aperto ad alta, altissima tensione quello tenutosi ieri sera a Calolziocorte. L'ordine del giorno prevedeva una lunga discussione sull'accoglienza dei migranti: come da previsioni, sono state tante e varie le opinioni sui venti profughi che il comune lecchese è stato chiamato a ricevere. Sull'argomento si è mostrata molto preoccupata la popolazione locale: l'ingresso di ulteriori profughi, stando alle opinioni espresse, potrebbe rompere il delicato equilibrio tra italiani e stranieri "innestati" a Calolzio. L'ex ASL sarebbe il luogo identificato dall'Amministrazione per il posizionamento dei profughi in arrivo.

Come detto, gli interventi della giunta calolziese e dell'assessore del comune di Lecco Riccardo Mariani sono stati alternati all'opinione dei cittadini, espressisi con pareri decisamente diversificati tra loro. L'apice della discussione si è raggiunto quando Flavio Nogara, segretario provinciale della Lega Nord, ha interrotto a più riprese il consigliere senegalese Boubou Dia, contestandone i punti salienti del discorso. Irritato dallo svolgersi del dibattito, l'assessore Paolo Cola ha gridato a brutto muso nei confronti di Nogara, intimandolo ad abbandonare l'aula; si sono succeduti lunghi momenti di tensione, interrotti dall'intervento della polizia locale.

L'intervento dei vigili ha permesso l'abbassamento dei toni e la ripresa dei lavori, conclusisi a mezzanotte, dopo circa quattro ore di discussione ma senza un punto d'incontro tra favorevoli e contrari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calolzio, la seduta del consiglio comunale sui migranti finisce quasi in rissa

LeccoToday è in caricamento