menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccinazione antinfluenzale dai privati, Regione rimborsa chi rientra nella fascia "target"

Approvato un provvedimento che stabilisce un rimborso pari a 32 euro per i cittadini over 65 o con particolari elementi di fragilità. Ecco chi ne ha diritto

La Giunta regionale, considerata una richiesta in costante aumento, su proposta dell’assessore al Welfare, Giulio Gallera, ha approvato un provvedimento che stabilisce un rimborso pari 32 euro per i cittadini che rientrano nelle fasce target della popolazione (over 65, soggetti con particolari elementi di fragilità stabiliti dal Ministero della Salute e altri) che hanno dovuto ricorrere alla somministrazione a pagamento del vaccino antinfluenzale dopo l'avvio della campagna realizzata da Regione Lombardia.

Vaccini antinfluenzali al Cab, «già raggiunte 500 prenotazioni in poche ore»

Per accedere al rimborso, i cittadini dovranno presentare all'Ats di riferimento (dunque nel Lecchese ad Ats Brianza) la ricevuta del pagamento effettuato e un'autocertificazione attestante l'appartenenza alla popolazione "target".

Con la stessa delibera, al fine di raggiungere la più alta percentuale di vaccinazione contro l'influenza per i cittadini rientranti nelle fasce previste, la Giunta regionale ha inoltre autorizzato le Ats della Lombardia a stipulare accordi con strutture private accreditate per l'erogazione della prestazione prevedendo un rimborso pari a 32 euro (26 euro per il vaccino e 6 euro per la somministrazione).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento