Calcio

Lecco, sei magico: espugnato anche lo Zaccheria di Foggia

La squadra di Foschi resiste alla spinta dei 13mila tifosi rossoneri e allo svantaggio immediato, Lepore incanta servendo a Pinzauti il cross per il pareggio e trasformando in maniera magistrale la punizione che vale il 2-1

Un grande Lecco espugna Foggia e avvicina il traguardo della Serie B. Manca l'ultimo ostacolo, domenica al Rigamonti Ceppi, ma la squadra bluceleste potrà affrontarlo forte del 2-1 maturato martedì sera allo Zaccheria.

La formazione di Foschi non si fa intimorire dai 15mila dello Zaccheria, per quanto l'inizio sia un po' contratto. C'è Tordini dietro le punte Buso e Pinzauti, come a Cesena. Al 6' cross insidioso di Costa su cui Frigerio non arriva, ma Melgrati è tratto in inganno e deve smanacciare in angolo. Dal corner, al 7′, arriva il gol del vantaggio rossonero con lo stacco imperioso di Leo, su cui Melgrati è miracoloso, ma il rimpallo sullo stesso difensore dei pugliesi si insacca (il controllo del Var convalida il gol).

Al 28′ il pareggio, meritato, del Lecco, che cresce con il passare dei minuti: Zambataro conquista un ottimo corner, Lepore batte magistralmente e Pinzauti brucia tutti sul primo palo colpendo di testa (forse con una leggera deviazione).

Le foto della partita

Nella ripresa è il Foggia a crederci di più, Foschi toglie Tordini per Ardizzone ma il centrocampista si fa subito male. La squadra si abbassa e non riesce a ripartite come vorrebbe. Buon per il Lecco che i pugliesi siano molto imprecisi negli ultimi venti metri. Di Noia si costruisce una grande chance con un’azione prepotente: dribbling secco e destro fortissimo, Melgrati la tocca in corner. Minuto 70: palla da sinistra per l’immancabile Ogusenye che stacca bene e la mette a lato non di moltissimo. All'86' Bunino conquista una punizione con caparbietà, Lepore va sulla palla e si dimostra l'uomo del destino: capolavoro all'incrocio e gol del 2-1 che spiana la strada ai blucelesti, anche se mancano 90 minuti da affrontare con grande attenzione.

A fine partita, laconico il commento di mister Luciano Foschi: "Il successo è qualcosa di eccezionale, ma per ora non vale niente". Il Foggia prosegue il silenzio stampa iniziato dopo la sconfitta con il Cerignola quasi un mese fa.

Foggia 1-2 Calcio Lecco (1-1)

Marcatori: Leo (F) al 7′ p.t.; Pinzauti (L) al 29′ p.t.; Lepore (L) al 42′ s..t

Foggia (3-5-2): Dalmasso; Rizzo, Kontek, Leo; Bjarkason (dal 1′ s.t. Garattoni), Frigerio (dal 27′ s.t. Petermann), Di Noia, Schenetti, Costa; Ogunseye (dal 37′ s.t. Beretta), Peralta (dal 29′ s.t. Iacoponi) (Raccicchini, Thiam, Di Pasquale, Markic, Djer, Capogna, Rutjens). All. Delio Rossi.

Lecco (3-4-3): Melgrati; Celjak, Bianconi, Lepore; Girelli, Galli (dal 22′ s.t. Lakti), Zuccon, Zambataro; Tordini (dal 1′ s.t.Ardizzone; dall’8′ s.t. Stanga), Pinzauti (dal 22′ s.t. Mangni), Buso (dal 39′ s.t. Bunino) (Stucchi, Maffi, Maldini, Enrici, Scapuzzi, Battistini, Stanga, Martorelli, Ilari, Cusumano). All. Luciano Foschi.

Arbitro: Bonacina di Bergamo; ass. Bahri di Sassari, Ricciardi di Ancona; Iv uff: Galipò di Firenze.

Note: Spettatori 13mila circa. Ammoniti: Di Noia, Peterman. Angoli: 4-3.

Gli highlights

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecco, sei magico: espugnato anche lo Zaccheria di Foggia
LeccoToday è in caricamento