«I ladri hanno messo sottosopra la nostra casa. Viviamo nella paura e non è giusto»

Malviventi in azione ieri sera a Calolzio, almeno due abitazioni nel mirino. La testimonianza di Rosangela Maniaci: «Non è la prima volta che mi capita, non si sono fermati neppure con l'antifurto in funzione».

«Mi hanno messo sottosopra la casa rovistando perfino in bagno per cercare oro e soldi. L’antifurto suonava e i cani dei vicini abbaiavano. Ma loro nulla, non si sono fermati, hanno colpito sia nella mia abitazione che in quella vicina. È la seconda volta che purtroppo i ladri entrano nella nostra casa. Non è giusto, non si può vivere nella paura».

La calolziese Rosangela Maniaci racconta così, tra sentimenti di comprensibile rabbia e tristezza, il furto subìto ieri nella propria casa in via Santi Cosma e Damiano a Sala, a pochi passi dalla chiesa della frazione, nei pressi del passaggio a livello e del vecchio campetto sportivo. Almeno due i furti messi a segno a Calolzio nella serata dell’8 marzo, quando alcuni ignoti hanno cercato di depredare pure un’altra abitazione nella vicina Torre De’ Busi, ma in quest'ultimo caso,trovando gli abitanti in casa, si sono dati alla fuga. A Sala invece hanno provocato danni e creato grande spavento tra i residenti.

Ladri ancora in azione in valle San Martino, colpo "sventato" a Torre

«A casa mia hanno rubato un paio di orecchini con oro e perle, mentre dal mio vicino sembra che il bottino sia stato più consistente - racconta Rosangela Maniaci, fino a poco tempo fa titolare di un negozio di parrucchiera in via Galli - In realtà da me i ladri hanno trovato poco altro. Io, mio marito e mio figlio infatti non teniamo denaro o beni di valore perché purtroppo eravamo già stati derubati qualche anno fa. In quell’occasione avevano portato via di tutto: ori, soldi, ricordi, devastando gli armadi. Questa volta hanno trovato poco perché c’era poco. Ma nonostante ciò hanno rovistato comunque e ovunque nei cassetti, messo sottosopra diverse stanze tra cui perfino il bagno. Sembra infatti che questi malviventi cerchino perfino nelle lavatrici, pensando che i proprietari di casa nascondano lì beni di valore. Sono davvero senza parole».

Il furto è avvenuto intorno alle 21 di ieri sera. La signora Rosangela Maniaci e il marito erano infatti usciti verso le 20.30 e al rientro,  alle 23, hanno trovato la brutta sorpresa. Subito hanno chiamato i carabinieri, e questa mattina sono tornati in caserma a Calolzio per la denuncia. Per penetrare nei locali interni i ladri hanno forzato serratura e tapparella della portafinestra al piano rialzato. Poi il raid.

«Orecchini rubati, cassetti ribaltati. Lo schifo di sapere che hanno messo le mani nei tuoi vestiti»

«La cosa peggiore è vedere i propri beni personali violati - continua la calolziese - questi malviventi camminano sui tuoi vestiti, mettono le mani ovunque, rompono oggetti. Abbiamo trovato le impronte delle scarpe sugli indumenti che ho subito lavato, ma restano lo schifo e la rabbia. Per fortuna non eravamo in casa quando sono arrivati. Pensate: hanno rubato mentre andava l’antifurto e i cani del vicino abbaiavano. Non so più cosa fare, ora metteremo anche le grate alle finestre, ma non è giusto vivere così in casa propria, nella paura. Stanotte non sono riuscita a dormire. Sperto che li prendano presto e che restino in galera a lungo».

Ladri in azione a Calolzio: razziati gioielli in due case

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendi boschivi: scatta l'allarme rosso in varie zone della Lombardia, Lario compreso

  • Notizie

    Aperto il primo asilo per cani in provincia di Lecco

  • Cronaca

    Alberi crollati, tetti scoperchiati: il vento devasta il territorio. Fiamme sul Cornizzolo

  • Notizie

    Verifiche di stabilità, due ponti chiusi in notturna a Calolzio

I più letti della settimana

  • Esenzioni ticket, si cambia: durata limitata e rinnovo non automatico

  • Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

  • Frustato perchè non abbastanza produttivo: giovane lavoratore si licenzia e denuncia il caso

  • Incidenti e cantieri deserti: traffico in tilt fino all'Alto Lago

  • Treni Storici: arriva il Lario Express, da Milano a Lecco su treni d'epoca

  • Statale 36: ennesimo incidente nella galleria del Monte Barro, traffico paralizzato

Torna su
LeccoToday è in caricamento