Vendeva vestiti contraffatti provenienti dalla Cina: sequestrate casa e auto a una lecchese

L'operazione della Guardia di Finanza lecchese affonda le radici nel 2010, quando venne disposto il primo sequestro dei beni appartenenti a una malgratese

I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Lecco hanno eseguito la confisca definitiva di un appartamento rintracciabile nella provincia lecchese dal valore di circa seicentomila euro e di un’autovettura di grossa cilindrata al termine di un'operazione lunga nove anni. Il provvedimento, disposto dal Tribunale di Lecco, è giunto a conclusione di un lungo iter giudiziario che ha fatto seguito a complesse indagini condotte dal Gruppo della Guardia di Finanza di Lecco, a partire dal 2010, nell’ambito dell’operazione denominata “Shopping in Hong Kong”. L’esecuzione del provvedimento ha permesso di sottoporre a confisca obbligatoria l’appartamento, composto da undici stanze oltre a un box auto, ubicati nel comune di Malgrate, oltre ad un’autovettura BMW X3, beni intestati ad una quarantaduenne del luogo. 

Sequestrate 13mila giacche contraffatte dal valore di 1,2 milioni di euro

"Shopping in Hong Kong": le indagini iniziate nel 2010

Le indagini di polizia economico-finanziaria condotte dai finanzieri lecchesi, coordinati dalla Procura della Repubblica di Lecco, portarono alla luce nel 2010 un articolato sistema fraudolento d'introduzione nel territorio nazionale, provenienti da Hong Kong, di articoli di abbigliamento recanti marchi contraffatti delle più note griffe nazionali ed estere. Gli articoli venivano successivamente rivenduti dagli indagati su tutto il territorio nazionale come prodotti autentici ma recanti alcuni lievi difetti di produzione.

Vendevano finti abiti "Yves Saint Laurent", nei guai due società lariane 

L’Autorità Giudiziaria emise, nel dicembre 2010, un decreto di sequestro preventivo sui beni mobili ed immobili impiegati per la commissione degli illeciti, provvedimento cautelare fra i primi in Italia. Nell’agosto 2018 il Tribunale di Lecco, pur avendo dichiarato l’estinzione dei reati per il positivo superamento da parte degli indagati della messa alla prova, ha disposto la confisca dei beni sequestrati, in quanto ritenuti strumentali alla commissione degli illeciti; la confisca è stata successivamente e definitivamente confermata con la pronuncia, nell’aprile 2019, della I Sezione Penale della Corte di Cassazione.

Maxisequestro di capi contraffatti: scoperto magazzino illegale in Brianza

«Uno dei primi casi in Italia»

«Il provvedimento di confisca obbligatoria appena eseguito nell’ambito del contrasto alle filiere del falso, costituisce uno dei primi casi nell’intero panorama nazionale in attuazione delle norme repressive rafforzate dal Legislatore nel 2009 e conferma l’efficacia dell’azione svolta sul territorio dalle Fiamme Gialle Lecchesi a tutela dell’economia legale», spiegano dal Comando Provinciale lecchese.

Colico, vendeva merce contraffatta nei parcheggi: denunciato immigrato

Potrebbe interessarti

  • Rimedi naturali contro le scutigere

  • Come avere i bidoni della spazzatura sempre puliti e igienizzati

  • Rimedi naturali contro le punture di medusa

  • Come lasciare la casa in ordine prima di partire per le vacanze

I più letti della settimana

  • Incidente in moto, senza scampo lo skyrunner Davide Invernizzi

  • Clooney compra casa a Lierna? Il sindaco: «Sarebbe un grande volano»

  • Gravissimo incidente auto-moto a Pasturo, intervento dei soccorsi in codice rosso

  • «Ciao Davide, i tuoi sogni continueranno a correre sulle tue montagne»

  • Una folla commossa per l'ultimo saluto a Davide Lino Invernizzi

  • "Lupin" ricercato in tutta Europa: arrestato dalla Polizia a Lecco

Torna su
LeccoToday è in caricamento