L'emergenza Coronavirus stoppa anche il Giir di Mont 2020

Ufficialmente annullata la gara di skyrunning in programma il 26 Luglio. Gli organizzatori: «Non sappiamo se la situazione cambierà nei mesi a venire, ma la posta in gioco è troppo alta. Giusto fermarsi»

Lo sport subisce, com'è purtroppo logico, gli effetti dell'emergenza Coronavirus. Dopo la Resegup, anche il Giir di Mont, altra prestigiosa gara di skyrunning del territorio, è stata ufficialmente annullata.

Il Comitato organizzatore della corsa, con il Consiglio direttivo dell'Associazione Sportiva Premana, ha preso la decisione di annullare la gara prevista per il 26 Luglio 2020. Mancano più di tre mesi all'ultima domenica di Luglio ed è impossibile prevedere la piega che prenderanno gli eventi.

«A oggi - si legge in un comunicato - sappiamo che fino al 31 Luglio 2020 vigerà lo stato di emergenza, proclamato il 31 gennaio 2020 dal Consiglio dei Ministri. Non sappiamo se la situazione cambierà nei mesi a venire, ma la posta in gioco è troppo alta: c'è di mezzo la salute di atleti, volontari, tifosi. Non è opportuno organizzare un evento che inevitabilmente porterà a contatti ravvicinati tra individui e che rischierebbe di vanificare gli sforzi di contenimento del virus che sono stati fatti finora».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Giir di Mont 2019 è uno spettacolo: trionfano Gabriele Bacchion e Ruth Croft

È giusto fermarsi, anche per rispetto verso tutti gli sponsor che ogni anno ci sostengono: in questa situazione non ce la sentiamo di chiedere un contributo economico per sostenere la nostra manifestazione, quando le priorità sono sicuramente altre. Chiaramente, un Giir di Mont senza l'essenziale sostegno dei nostri partner non può essere il grande evento che ogni anno riusciamo ad allestire. È giusto fermarsi, anche per rispetto verso le persone che stanno soffrendo a causa di questo nemico invisibile e per coloro che ogni giorno combattono in prima linea questa battaglia. Ci sarà tempo per correre, ci sarà tempo per festeggiare: adesso è il momento di fermarsi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

  • Transumanza a Lecco: il maxi gregge ha completato il suo viaggio verso la Valsassina

  • Scontro fra moto a Mandello, conseguenze gravi per tre persone

  • Settecento persone per l'ultimo saluto a Chiara al "Rigamonti-Ceppi": «Siete ragazzi speciali, ricordatelo»

  • Aria di lago e montagna: Stefan De Vrij e la compagna Doina a spasso sul Monte Barro

  • Coronavirus, il punto: nel Lecchese è il primo giorno con zero tamponi positivi

Torna su
LeccoToday è in caricamento