Coronavirus Via dell'Eremo, 9-11

Ospedale Manzoni: in un mese dimezzati i ricoverati per Covid-19

I numeri fotografano il superamento della fase emergenziale: 38 pazienti contro i 76 del 15 maggio e i 203 del 29 marzo. Al Mandic di Merate vuote le terapie intensive

L'ospedale Manzoni di Lecco

Una situazione che via via va "normalizzandosi". La pressione sugli ospedali lecchesi per quanto riguarda l'emergenza Covid-19 è ai minimi storici dall'inizio della pandemia nel 2020, assimilabile ai dati dell'estate 2020. A mercoledì 16 giugno, infatti, nei reparti covid del Manzoni di Lecco risultano ricoverate 38 persone, di cui 7 in terapia intensiva e 2 col casco C-Pap.

In un mese, il numero di pazienti si è dimezzato: il 15 maggio nel nosocomio lecchese erano infatti 76, mentre il 29 marzo, al picco della seconda ondata, 203.

Bollettino covid, i dati di mercoledì 16 giugno: 5 casi a Lecco

La sitiazione a Merate è addirittura migliore: 6 ricoverati totali di 3 con casco e nessuno in terapia intensiva. Un mese fa il Mandic contava 56 posti occupati, alla fine di marzo 121.

I numeri testimoniano l'uscita dalla fase critica dell'emergenza, che ha portato la Lombardia e quasi tutte le regioni italiane in zona bianca. Decisiva in questo senso anche l'accelerazione della campagna vaccinale. Ai lecchesi, con i propri comportamenti, spetta ora il compito di non vanificare gli sforzi compiuti finora per uscire dalla crisi.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale Manzoni: in un mese dimezzati i ricoverati per Covid-19

LeccoToday è in caricamento