Regolamento condominiale e animali domestici

Grazie all'introduzione di nuove regole e normative, oggi è possibile tenere il nostro amico a quattro zampe in appartamento. Vediamo quali sono obblighi e doveri dei proprietari di animali domestici

Chiunque abbia un animale domestico, conosce senza dubbio le difficoltà nel gestire la sua presenza in appartamento, soprattutto in condominio dove la maggior parte dei residenti, non sono ben disposti nei confronti degli amici a quattro zampe. 

Proprio per questo motivo, per diversi anni ci sono state diverse battaglie legali tra condomini, per quanto riguarda il possesso di un animale domestico. Mentre negli ultimi tempi, grazie all'introduzione di nuove regole e normative che aiutano a vivere in tranquillità, la situazione è decisamente migliorata. 

Esistono infatti Leggi che disciplinano il mantenimento di animali domestici nel condominio. La Legge 220/2012 all’articolo 1138 c.c ultimo comma, ha modificato la normativa che concerne il possesso di animali domestici nel condominio. Riconosce quindi il diritto di tenere animali in un condominio, specificando che le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici. Lo scopo della legge è quello di non inibire la scelta di chi vuole tenere un animale in casa come componente della propria famiglia. 

Obblighi e doveri dei proprietari 

Per assicurare la convivenza civile e il rispetto di tutti, i proprietari di animali avranno obblighi e doveri da rispettare. Sarà quindi necessario garantire il rispetto delle norme di sicurezza, igiene e salute, per non arrecare disturbo ai condomini. 

Per quanto riguarda il rispetto degli spazi altrui, è bene vigilare sempre il proprio cane affinché non procuri danni ad altri. Un cane che circola libero negli spazi comuni infatti, deve sempre indossare un guinzaglio corto, mentre il padrone dovrà sempre portare con sé la museruola, e farla indossare in casi di necessità, come in ascensore per esempio. 

I condomini possono richiedere l’estromissione dell'animale, solo se vengono a mancare condizioni di igiene o per patologie dell’animale, appositamente documentate dalla ASL. 

Sorgono quindi diversi obblighi per il proprietario, proprio per tutelare la sicurezza e la salute propria e dei condomini:

- Il cane deve essere registrato all’anagrafe canina e dotato di microchip

- Cani e gatti devono essere vaccinati contro patologie per cui sono a rischio. Sempre dotati di libretto sanitario rilasciato dal veterinario

- I cani che passano per gli spazi comuni, devono essere sempre portati al guinzaglio. Le razze considerate pericolose, devono sempre portare la museruola nelle parti comuni. Utilizzare paletta e busta per la pulizia di escrementi.

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate: costi e tempi di realizzazione

I più letti della settimana

  • Piscine interrate: costi e tempi di realizzazione

  • Attivazione della fornitura di luce e gas: ecco tutte le informazioni necessarie

Torna su
LeccoToday è in caricamento