Caleotto: il Gruppo Feralpi fa l'offerta giusta, l'azienda lecchese totalmente nelle mani di Pasini

Manca solo il "via libera" dell'Antitrust: il 50% delle quote verrà ceduto dalla Duferco Italia Holding

Il Gruppo Feralpi rileverà il 50% della quota ad oggi detenuta da Duferco Italia Holding nella società lecchese Caleotto SpA arrivando a detenerne il pieno controllo. L’operazione è in attesa dell’approvazione formale da parte dell’Antitrust.

A cinque anni dalla nascita della joint venture paritetica che portò Feralpi e Duferco ad acquisire e rilanciare l’importante laminatoio di Lecco, che si trova al centro di un distretto – quello delle trafilerie – consolidato e fortemente votato all’esportazione, cambierà quindi l’assetto azionario.

La scelta deriva dall’evoluzione industriale dei due Gruppi. In particolare, Feralpi si è rafforzata nel settore degli acciai speciali, come nel caso della vergella prodotta dal Caleotto, settore considerato strategico per il Gruppo. Duferco ha in corso importanti investimenti nell’ambito della laminazione di travi e laminati, tra cui un nuovo laminatoio a Brescia, sui quali ha focalizzato le proprie risorse.

La collaborazione operativa tra le due società non finirà. Verrà data continuità al piano produttivo nonostante una fase congiunturale che vede il mercato di riferimento piuttosto debole, in primisquello dell’automotive. Infatti, il laminatoio del Caleotto verrà costantemente rifornito di billette (il semilavorato destinato alla laminazione) sia dal Gruppo Feralpi, attraverso Acciaierie di Calvisano, sia dal Gruppo Duferco al fine di garantire la costanza dell’attività industriale.

«Insieme di competenze in un laminatoio di tradizione»

«Per il Gruppo Feralpi – spiega l’A.D. di Caleotto, Lorenzo Angelini – l’ingresso in Caleotto ha significato entrare in un mercato ad alto valore aggiunto, in linea con l’obiettivo di fare della business unit degli acciai speciali un pilastro del piano strategico di sviluppo. Caleotto rappresenta non solo un laminatoio di tradizione secolare sulla quale Feralpi e Duferco hanno investito in tecnologie innovative, ma racchiude un insieme di competenze che lo rendono una realtà competitiva sulla piazza nazionale e internazionale».

«In questi cinque anni – commenta Domenico Campanella, A.D. di Duferco Italia Holding – abbiamo lavorato in stretta sinergia con il Gruppo Feralpi. È un Gruppo che stimiamo profondamente col quale continueremo a collaborare alimentando Caleotto con le nostre billette. Abbiamo conosciuto un territorio di grande esperienza siderurgica come quello lecchese ed abbiamo interagito con clienti, locali e non, con i quali abbiamo sviluppato solide partnership anche grazie ai forti investimenti sotto l’aspetto impiantistico. Le scelte strategiche fatte insieme a Feralpi ci hanno portato a rilevare Caleotto e si sono dimostrate valide. Ora però Duferco ha una nuova sfida davanti a sé. Il nostro assetto industriale cambierà nei prossimi anni grazie al nuovo laminatoio travi che stiamo realizzando a Brescia assieme a Nucor. È un grande passo che richiede una concentrazione di risorse umane e di capitale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel segno della continuità della visione industriale e dell’attività commerciale, anche quest’anno Caleotto sarà presente alla fiera internazionale Wire 2020 che si terrà a Düsseldorf dal 30 marzo al 3 aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba ha fretta di nascere, donna partorisce nel tunnel del Monte Barro

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Coronavirus, il punto: nessun caso di positività nel Lecchese, boom di guarigioni

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento