menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ancora sciopero alla Maggi: «I lavoratori rischiano di prendere solo il 28% del Tfr»

Continua l'agitazione dei dipendenti. Elena Rossi (Fiom): «Nel piano concordatario l'azienda ha previsto che questo credito sia declassato tra i chirografi. Proposta inaccettabile»

Prosegue lo sciopero alla Maggi catene. Da ieri mattina quasi tutti i 53 dipendenti dell’azienda metalmeccanica di Olginate sono fuori dai cancelli per un presidio organizzato da Fiom Cgil Lecco, Fim Cisl Monza Brianza Lecco e Uilm del Lario. Il rischio che corrono i lavoratori è quello di perdere gran parte dei fondi pensionistici.

Sciopero alla Maggi Catene

«La nostra richiesta riguarda il credito che i dipendenti hanno presso l'azienda - afferma Elena Rossi, sindacalista della Fiom - Parliamo principalmente del Tfr (destinato al fondo Cometa), perché nel piano concordatario l'azienda ha previsto che questo credito sia stato declassato tra i chirografi. Se dovesse passare questo progetto i lavoratori prenderebbero solamente il 27,8% del proprio Tfr. È la prima volta che viene presentato un piano che prevede una richiesta simile, infatti nei concordati i crediti dei dipendenti sono sempre soddisfatti al 100%. Non accettiamo questa proposta. I dipendenti della Maggi vantano anche un credito di cinque stipendi».

Il piano concordatario è stato richiesto dall'azienda all'inizio del 2018, poi depositato a luglio. La relazione del commissario è uscita qualche giorno fa e fra qualche settimana ci sarà l’adunanza dei creditori. Intanto domani, alle 11, ci sarà il presidio fuori dalla sede lecchese di Confindustria, con i rappresentanti sindacali che incontreranno i vertici dell’associazione degli industriali per tentare di modificare il piano. L’obiettivo dell’azienda è ripianare i debiti in continuità.

Cantatore: «Salvaguardare queste forme di credito»

«È però importante salvaguardare queste forme di credito, perché da sempre tutti i soldi dei lavoratori sono garantiti al 100% - sottolinea Giuseppe Cantatore, segretario organizzativo Fiom Cgil Lecco - Se dovesse passare un messaggio diverso avremmo un precedente pericoloso. Si sacrificherebbero i crediti dei dipendenti per salvare gli imprenditori indipendentemente dai risultati derivanti dalla gestione dell’azienda». La Cgil Lecco sta monitorando la situazione.

«La questione è delicata e complessa - spiega Maurizio Oreggia, segretario generale della Fiom Cgil Lecco - Ci sono due fattori importanti: da una parte la situazione dell'azienda e dei lavoratori da gestire, dall'altra non possiamo permettere che in un piano concordatario questi crediti vengano declassati. Il Tfr è una stampella per la vecchiaia. Stiamo parlando di soldi che il lavoratore potrà utilizzare quando vivrà una situazione di debolezza, indotta anche dalle riforme pensionistiche che non hanno più le garanzie di salvaguardare il potere d’acquisto delle persone».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento