Economia Via Digione

Reti di imprese, la Confcommercio lombarda premia Angelo Belgeri

L'imprenditore lecchese insignito del riconoscimento durante un convegno sul futuro dell'economia. Sangalli: "Reti rappresentano una grande opportunità per rafforzare il sistema delle nostre piccole e medie imprese"

Da sinistra Renato Borghi, Carlo Sangalli, Renato Mariani, Mauro Parolini, Angelo Belgeri, Roberto Maroni

Un riconoscimento importante quello che è stato conferito lunedì 15 febbraio ad Angelo Belgeri, commerciante lecchese premiato da Confcommercio Lombardia  in occasione dell’evento “Insieme, protagonisti della ripresa. Storie di Reti del Terziario”.

L’imprenditore, membro della giunta e presidente del Gruppo Ferramenta di Confcommercio Lecco, è infatti alla guida sia della rete Lecco100, progetto che coinvolge imprenditori locali, istituzioni e giovani talenti, sia della Airoldi&Belgeri, attività protagonista di una rete di ferramenta che dal 2014 coinvolte oltre 40 imprese a livello nazionale.

Belgeri è stato premiato dal presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, dal governatore della Regione Lombardia, Roberto Maroni, dal vicepresidente di Confcommercio, Renato Borghi, dall’assessore al Commercio della Regione, Mauro Parolini; a rappresentare Confcommercio Lecco il vicepresidente Renato Mariani.

La cerimonia è stata un momento importante anche per fare il punto per quanto concerne le reti d’impresa lombarde: nel 2015 sono state circa 500 le imprese che hanno stipulato un contratto di rete, portando a 2.435 il numero complessivo sulle 13mila italiane. Dopo l’agricoltura (+35%) è il settore dei servizi (+24%) ad aver registrato la crescita più intensa dei contratti di rete.

«Con la diffusione delle reti di impresa il terziario sta dimostrando nei fatti la volontà di trovare nuove vie di cambiamento e di crescita - ha affermato Carlo Sangalli, presidente nazionale di Confcommercio e numero uno di Confcommercio Milano e Lombardia - In una fase ancora debole e incerta dell' economia le reti rappresentano una grande opportunità per rafforzare il sistema delle nostre piccole e medie imprese. Queste alleanze rendono le aziende più competitive sul mercato. È necessario incoraggiare queste forme di aggregazione con maggiori incentivi soprattutto fiscali. Ad esempio con la detassazione degli utili prodotti dalle reti e reinvestiti nei programmi di sviluppo come accadeva nel 2014. Sarebbe anche importante, a livello regionale prevedere l'abbattimento dell'aliquota Irap tra le imprese aderenti a un contratto di rete».

«Il beneficio di aderire a una rete d’impresa riguarda soprattutto l’aumento della gamma  di prodotti/servizi offerti (42%) e la riduzione dei costi o la possibilità  di accedere a nuovi segmenti di mercato (il 28%) - ha spiegato Luca Zanderighi, professore ordinario di Economia e gestione delle imprese dell’Università degli Studi di Milano, che ha presentato i dati dell’indagine “Reti d’imprese: aspettative e risultati” - Per il 47% delle imprese l’adesione alla rete  è stata in linea con le attese e  più del 23% ritiene di aver avuto effetti superiori alle aspettative».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reti di imprese, la Confcommercio lombarda premia Angelo Belgeri

LeccoToday è in caricamento