menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auser: punta alla formazione con la telefonia sociale

Lo scorso mercoledì 19 e oggi mercoledì 26 si sono tenuti due incontri sul tema dell'invecchiamento per le oltre 30 volontarie della telefonia sociale di Auser, che operano sul territorio della Provincia. Sotto la guida della dott. Anna Piazza, psicologa del Lavoro e delle Organizzazioni, la formazione si è svolta nella sede del CIS (Centro Studi Impresa) di Valmadrera, e poi nella sede provinciale di Auser a Lecco.

Le due giornate rientrano nel percorso di formazione specifico per il servizio che ha riguardato finora la comunicazione telefonica e lo spirito del volontariato.

Nel primo incontro le volontarie della telefonia sociale di Auser hanno svolto un lavoro di presa di coscienza del significato dell'età anziana, partendo dalle proprie associazioni mentali e dalla definizione di sé nella relazione con gli altri. Il coinvolgimento personale e l'attività pratica sono state le modalità utilizzate per tutto il tempo, per rendere più incisivo l'intervento. Il secondo momento è stato invece dedicato all'apprendimento delle conoscenze teoriche di base del processo di invecchiamento, con il corredo di giochi cognitivi, per sperimentare come sia possibile contrastare il decadimento attraverso attività divertenti.

“E’ stato un importante momento formativo per la nostra realtà che opera sul territorio – spiega Angelo Vertemati, Presidente dell’Auser Provinciale di Lecco – il tema dell'invecchiamento va affrontato con apertura mentale e sensibilità per non generalizzare in modo fuorviante”.

Come per tutte le età, l'evolvere delle persone avviene con modalità diverse e produce effetti diversi. Si è infatti visto che nel tempo cambiano i punti di forza e di debolezza di ciascuno, uscendo da uno stereotipo che dipinge l'ultima fase della vita come unicamente problematica. Anche l'ambiente tende ad attribuire alla vecchiaia connotati che favoriscono un atteggiamento rinunciatario nelle persone anziane. Invece, senza negare le problematicità, quindi in un quadro del tutto realistico, è possibile sviluppare interessi e apprendere per tutto il corso della vita secondo quel concetto di Lifelong Learning che è alla base della promozione culturale che anche Auser sviluppa attraverso le sue Terze Università e in genere le sue associazioni locali.

Naturalmente i temi che potranno essere approfonditi sono molti e la partecipazione attiva delle volontarie ha testimoniato la voglia di affinare le competenze al servizio delle persone che raggiungono attraverso il telefono.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento