La Casa del Pellegrino riapre le sue porte al pubblico

Riapertura in programma il 7 giugno. Sarà visibile anche l'affresco della terza camera picta, recentemente scoperto e attualmente oggetto di restauro

L'ingresso della seconda camera picta

Dopo il periodo di chiusura, torna visitabile la Casa del Pellegrino di Civate. Il giorno scelto per la riapertura è il 7 giugno.

Già utilizzata in epoca remota come luogo d'accoglienza dei numerosi pellegrini che giungevano al monastero di San Pietro, a partire dal quindicesimo secolo la struttura è diventata abitazione di famiglie nobili locali, che l'hanno arricchita con numerose decorazioni pittoriche. La più significativa è un ciclo di affreschi di storie di caccia e di amor cortese, risalente alla metà del '400: nelle due camere pictae completamente decorate dame, cavalieri, cinghiali, falconi e ghepardi si stagliano su un fondo di un rosso intenso, facendo rivivere simboli e rituali dell'ultimo scorcio del Medioevo.

Casa del Pellegrino di Civate, ritrovato l'affresco della terza camera picta

Sarà visibile anche l'affresco della terza camera picta, recentemente scoperto e attualmente oggetto di restauro. Sarà possibile accedere (a piccoli gruppi per rispettare il distanziamento sociale e previa prenotazione per consentire la programmazione degli ingressi) le prime tre domeniche di ogni mese, a partire dal 7 giugno. Sarà visibile anche l'affresco della terza camera picta, recentemente riscoperto.

Le prossime visite si terranno dunque il 7, 14, 21 giugno e il 5, 12 e 19 luglio a partire dalle ore 16.

Prenotazione obbligatoria almeno entro 24 ore prima della visita, scrivendo a lucenascosta@gmail.com. L'ingresso è 5 euro intero, 3 euro ridotto.

Le misure di sicurezza

All'ingresso verrà rilevata la temperatura corporea. Se il valore è pari o superiore a 37,5 gradi non sarà consentito l'accesso per tutelare la sicurezza dei visitatori e delle guide volontarie.

È obbligatorio indossare la mascherina e sanificare le mani con la soluzione igienizzante presente all'ingresso.

Si raccomanda di rispettare il distanziamento (almeno un metro dalle altre persone) nelle aree di sosta e nel percorso di visita e di seguire le indicazioni fornite dalle guide.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le visite al vicino monastero di san Calocero, i cui spazi sono attualmente sede di una Rsa, rimangono invece sospese fino a data da destinarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • Bimba ha fretta di nascere, donna partorisce nel tunnel del Monte Barro

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

  • Manifesto accusa Fasoli: «Come Pinocchio». Il sindaco: «Alle urne abbiamo visto tutti come è andata»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento