rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Notizie Erve / Via Cereda

Erve, accesso al torrente "chiuso" dal nuovo guard rail: «Riaprite quel passaggio»

Alcuni residenti chiedono di "liberare" la scala ostacolata a seguito dei lavori: «Serve per portare il cibo agli animali e prendere l'acqua per gli orti». La replica del sindaco: «Un intervento mirato alla sicurezza di tutti. Ed è sempre possibile raggiungere il Gallavesa»

Dopo i lavori per la sistemazione del guard rail, l'accesso alla scalinata diretta al torrente Gallavesa è diventato quasi off-limits. Succede in via Cereda a Erve dove alcuni residenti della zona ci hanno segnalato il disagio (vedi foto)

Erve 4 ok-2

«Non riusciamo più ad accedere al corso d'acqua, in un'area importante per chi abita in zona in quanto c'è chi dal torrente prende l'acqua per gli orti e per il verde, e sempre dalla scalinata si passa per recuperare il cibo e il fieno per i propri animali - ci racconta un ervese - Inoltre ci sono persone che scendono da lì per andare a pescare nel Gallavesa. Non capiamo come mai sia stato quasi murato quell'ingresso, e chiediamo al Comune che ha appaltato i lavori del guard rail di far riaprire il passaggio al più presto, in modo più comodo e sicuro. Gli altri accessi sono troppo lontani, e per quelle aree specifiche è l'unico passaggio».

Erve 3-4-5

Sul tema abbiamo interpellato l'Amministrazione comunale di Erve che ha precisato essersi trattato di un intervento volto alla sicurezza di tutti. «Non reputo la questione di particolare rilevanza, o meglio, ritengo più importante la sicurezza generale lungo quella tratta di strada - spiega il sindaco Giancarlo Valsecchi - Per il resto posso precisare che la questione riguarda pochissime persone e che l'accesso al torrente Gallavesa è comunque ancora possibile da altri punti, come sta già avvenendo, anche per portare gli animali. Chi pesca, invece, riesce ancora a scendere al torrente da quella scalinata».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Erve, accesso al torrente "chiuso" dal nuovo guard rail: «Riaprite quel passaggio»

LeccoToday è in caricamento