menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alle battute finali la corsa per sostenere il nuovo oratorio

Quasi quattrocento persone hanno partecipato all'iniziativa non competitiva "324" per raccogliere fondi. Sabato 13 ottobre opportunità di ottenere la "wild card" per la finalissima: necessario correre da Lecco a Malgrate in meno di 19'20"

La 324, manifestazione non competitiva organizzata per sostenere la costruzione del nuovo oratorio della parrocchia di San Nicolò a Lecco, si sta per concludere.

"324" è un acronimo: 3 come la lunghezza del lungolago scelta per la disputa di questa iniziativa; 2run, ovvero l'invito allargato a tutti per partecipare alla manifestazione; 4fun, sintetizza la modalità secondo la quale prendere parte alla corsa.

L'idea della corsa non competitiva si è concretizzata lo scorso marzo. Quasi quattrocento persone, appartenenti a ogni fascia d'età, si sono iscritte sinora, registrando la propria performance sul sito della corsa. È stata stilata una classifica e a breve gli atleti si sfideranno.

Per costruire l'oratorio si corre da Lecco a Malgrate

Gli organizzatori hanno in programma un appuntamento in vista della finalissima. Sabato 13 ottobre coloro che non sono nella classifica dei primi 50, avranno la possibilità di ottenere la "wild card" per la finale, se riusciranno a percorrere i tre chilometri della gara con un tempo inferiore ai 19 minuti e 20 secondi. L'appuntamento sarà alle 15.30 all'oratorio San Luigi. Da lì i partecipanti si porteranno all'estremità del lungolago e partiranno alla volta di Malgrate. La corsa per sostenere il nuovo oratorio, infatti, coinvolge i comuni di Lecco e Malgrate.

La finalissima si svolgerà invece sabato 10 novembre, cronometrata, e premierà il vincitore assoluto, il miglior tempo maschile, il migliore femminile e i best di categoria. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.la324.it, oppure la pagina facebook.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento