rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
L'avviso pubblico / Alto e Basso Lago / Lungolario Piave

Rifare un pezzo di lungolago: c'è più tempo per fare domanda

Allungato il termine dell'avviso pubblico emesso dal Comune di Lecco

C'è più tempo per candidarsi al rifacimento di un pezzo del lungolago di Lecco. È stato prorogato fino al 31 marzo 2023 il termine per gli operatori economici interessati al progetto di riqualificazione dei servizi terra/lago Mobilità Integrata Lacuale, nell'ambito del bando Arest, come da avviso emesso dal Comune di Lecco. Palazzo Bovara, in qualità di ente capofila della cordata composta dai Comuni di Malgrate, Mandello del Lario, Perledo, Valmadrera e dalla Provincia di Lecco, è alla ricerca degli imprenditori interessati a portare avanti il progetto per la realizzazione della “Mobilità Integrata Lacuale: una nuova esperienza per vivere quel ramo del lago di Como”, incartamento presentato a Regione Lombardia nell'ambito del bando “AREST - Accordo di Rilancio economico Sociale e Territoriale”.

Il progetto prevede la riqualificazione dei servizi terra/lago per una migliore fruizione del water front, attraverso interventi di rigenerazione urbana in chiave turistica e potenziamento dei servizi di base: "Grazie alla collaborazione con Regione Lombardia e al coordinamento del servizio provinciale dedicato ai bandi - sottolinea Giovanni Cattaneo, assessore all'Attrattività territoriale - stiamo proseguendo nella seconda fase del bando AREST. A Lecco occorre facilitare l'accesso al lago per chi pratica sport: candidiamo un nuovo hub nella zona delle Caviate, in uno spazio in profonda trasformazione con il prossimo potenziamento della ciclabile e gli investimenti sul waterfront. La logica del bando regionale mira ad aumentare i posti di lavoro: per questo è fondamentale intercettare la disponibilità di imprese e associazioni che condividano la volontà di animare questi spazi".

Il nuovo lungolago di Lecco

Il Comune di Lecco intende realizzare in via Lungolario Piave, nella zona a monte del distributore di carburante, sull’area demaniale sottostante la pista ciclopedonale, una piattaforma a lago e una passerella pedonale, quale prolungamento del progetto di riqualificazione del lungolago cittadino, creando nuove aree di interazione con il lago e di pratica di alcune attività sportive lacuali.

Possono presentare la propria manifestazione di interesse, via PEC entro domenica 4 dicembre, tutti operatori economici privati interessati all’insediamento di nuove attività legate allo sport outdoor, alla mobilità e al rilancio turistico oppure al potenziamento/riqualificazione di attività già esistenti nella promozione di servizi turistici. L'avviso è disponibile a questo collegamento. A questo collegamento il modulo da compilare.

2211 mobilita lacuale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifare un pezzo di lungolago: c'è più tempo per fare domanda

LeccoToday è in caricamento