menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La visita di Giuseppe Abbagnale a Mandello

La visita di Giuseppe Abbagnale a Mandello

Giuseppe Abbagnale visita la Canottieri Moto Guzzi: «Qui grande storia e vitalità»

Il presidente della Federazione italiana canottaggio ospite a Mandello. «Sono convinto che il presidente Rossella Scola farà di tutto per mantenere la tradizione»

Novant'anni di storia, dal 1929 a oggi. Lo scorso ottobre un premio alla leggenda del canotaggio Giuseppe Moioli. Quindi le grandi prestazioni dei giovani atleti sia a livello nazionale sia internazionale. Tutto questo ha fatto sì che nella sede della Canottieri Moto Guzzi arrivasse il presidente della Federazione, Giuseppe Abbagnale.

La visita del massimo esponente Fic, avvenuta nel pomeriggio di sabato 16 novembre, ha portato a Mandello del Lario quella ventata di vicinanza al lavoro e all'impegno di ciascun sportivo affiliato.

Rossella Scola, giovane neopresidente della Guzzi, con la vice Aurora Caligiuri non hanno nascosto l'emozione di introdurre Abbagnale, un nome "gridato" ed esaltato nelle telecronache del periodo dal giornalista ed ex canottiere Giampiero Galeazzi. Scola è figlia d'arte di Umberto, cresciuto sportivamente negli anni Sessanta alla scuola del remo mandellese. «Abbiamo la fortuna di avere tra noi Abbagnale, nome impresso nelle mia memoria da bambina nei racconti di papà». Dal canto suo il presidente nazionale ha voluto «ringraziare per l'accoglienza e per il piacere di rivedere questi posti, unito a quello di vedere tanta vitalità in questa Canottieri. Ha un'eredità di storia non di poco conto. Sono convinto che farà di tutto per mantenerla viva. È donna, è giovane» ha detto all'indirizzo di Rossella Scola. 

Ristoratori egiziani devolvono incasso all'ospedale di Lecco: «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati»

Giuseppe Abbagnale non si è sottratto alle strette di mano, a posare per le foto di rito con gli atleti locali. Un mito del canottaggio nei ricordi del primo cittadino Riccardo Fasoli: per il sindaco di Mandello è infatti «un idolo per noi giovani, quando ho cominciato a remare». I "cugini" della vicina Lega Navale hanno aperto le porte per il rinfresco seguito alla visita ai locali della storica Canottieri Moto Guzzi. «È un vero piacere il fatto di ritrovarci in questa sede - ha dichiarato Fasoli - Un'occasione per interagire in futuro in una sana competizione a fare sempre meglio». Il tutto nella direzione delle pratiche sportive e del turismo lacustre. 

Il pomeriggio di sabato 16 novembre rimarrà da conservare nel libro d'oro della Canottieri Guzzi accanto ai nomi che l'hanno resa grande nei suoi novant'anni di vita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento