rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Il tema / Valmadrerese e Riviera Ovest / Via Frazione Parè

Valmadrera, ancora critiche alla Ztl di Parè: “Multe a pioggia, serve buonsenso”

Ascolto Valmadrera torna a pungolare il sindaco sulla zona a traffico limitato della frazione a lago, mal digerita dal gruppo consiliare sin dalla sua nascita

La zona a traffico limitato di Parè è un tema spesso dibattuto a Valmadrera. Nata a inizio 2022, è stata messa nel mirino soprattutto dal gruppo consiliare Ascolto Valmadrera, che a suo tempo aveva avanzato una mozione con delle proposte per variarla prima dell'istituzione, incassando successivamente il "no" dell'amministrazione guidata dal sindaco Antonio Rusconi. Inevitabilmente, l'entrata in vigore delle restrizioni per i non residenti - solo periodo primaverile/estivo, in particolare dal 01/05 al 30/09 di ogni anno - si è portata dietro multe e polemiche. Ad alzarle, in ultima battuta, è stato il medesimo gruppo di minoranza: “Ci chiediamo dove stia il buonsenso nelle decisioni di questa maggioranza politica rappresentata da un sindaco che non perde occasione per esaltare i risultati raggiunti - affonda Ascolto Valmadrera -. A nostro avviso "Progetto Valmadrera" (la maggioranza, ndr) invece pare far tutto senza progettualità, lungimiranza e soprattutto senza ascoltare chi poi subisce le conseguenze economiche di queste scellerate scelte politiche”.

Multe a Parè per la Ztl: polemiche

“Il turismo a Valmadrera, in particolare a Parè, non si promuove accanendosi sulle realtà imprenditoriali e, ancor più, su chi passa e si vuol fermare, magari per un gelato, un aperitivo o una cena, godendosi lo spettacolo del nostro lago - prosegue la disamina -. L’unico effetto ottenuto al momento, sono al contrario gli introiti delle numerose contravvenzioni elevate soprattutto ad ignari e incolpevoli turisti (a meno che questi ultimi non siano masochisti) che passano il punto di controllo dell’Apu (area pedonale urbana) senza scorgerlo o vedendolo troppo tardi, scontrandosi infine con l’applicazione della norma da parte degli uffici preposti (dura lex, sed lex)”. Ascolto Valmadrera “ribadisce e sottolinea ancora una volta come questa iniziativa non sia di alcun aiuto per lo sviluppo sostenibile del turismo ma, al contrario, sia totalmente deleteria. Ancora una volta vince il grigiore di questa amministrazione”.

La nuova Ztl di Valmadrera

POSIZIONAMENTO VARCO
L’area pedonale urbana è già prevista in corrispondenza del punto indicato nella mozione e in particolare il varco per la contestazione delle violazioni inquadra la zona dell’attraversamento pedonale pertanto solo i veicoli che oltrepassano tale attraversamento incorrono nella violazione prevista dal Codice della Strada.

PARCHEGGI PER SOSTA BREVE (accedendo sul lato sinistro):
I parcheggi posizionati sul lato sinistro dell’arteria stradale (adiacenti la galleria) è già previsto diventino a disco orario per consentire la sosta breve per le operazioni di carico/scarico delle soste limitate nel tempo per accedere alle attività commerciali posizionate nel primo tratto della via (bar/gelateria/ristorante/albergo)

PARCHEGGI ALL’INTERNO DELL’AREA PEDONALE URBANA
Stante il numero di parcheggi all’interno dell’area pedonale detti stalli di sosta è previsto vengano utilizzati prevalentemente dai cittadini che risiedono in frazione Parè:

  • in primo luogo perché risultano i soggetti maggiormente penalizzati che hanno presentato lo scorso anno l’esposto che ha determinato il successivo approfondimento della situazione esistente e il vaglio di tutte le possibili soluzioni da mettere in atto proprio per ridurre i disagi segnalati;
  • in secondo luogo perché non avrebbe senso limitare la circolazione veicolare a favore della circolazione pedonale per poi assegnare detti stalli di sosta alle attività commerciali che in virtù della loro natura commerciale dovrebbero far accede un elevato numero di veicoli, favorendo una sosta breve ed il ricambio frequente dei veicoli in sosta e conseguentemente un incremento del traffico veicolare a discapito della sicurezza pedonale che è il vero e primario obiettivo che si è posta l’amministrazione comunale con la definizione dell’A.P.U.;

PARCHEGGI PER SOSTA BREVE (accedendo sul lato destro):
È indubbio che la creazione di ulteriori spazi da adibire a sosta breve all’esterno dell’area pedonale urbana potrebbero risultate una soluzione per agevolare le attività commerciali e potrebbe essere un successivo sviluppo, tale situazione altresì comporta la riduzione di uno spazio di pregio, spazio che ad oggi in parte viene utilizzato anche da alcune attività commerciali per il quale è stata rilasciata un’occupazione di suolo pubblico a seguito dell’ottenimento delle dovute autorizzazioni degli enti competenti. La creazione di stalli di sosta in questa area comporterebbe inoltre la necessità di ottenere le dovute autorizzazioni, anche paesaggistiche, in virtù del pregio e dell’importanza della stessa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valmadrera, ancora critiche alla Ztl di Parè: “Multe a pioggia, serve buonsenso”

LeccoToday è in caricamento