Entrano in funzione le navette dal Ponte di San Michele alle stazioni di Paderno e Calusco

Importante novità, dopo la riapertura a ciclisti e pedoni, al via da lunedì 8 aprile. L'assessore regionale Terzi: «L'obiettivo è attenuare i disagi dei pendolari riducendo i tempi di attraversamento dell'Adda»

Da lunedì 8 aprile sarà attivo il nuovo servizio di navette che collegherà il Ponte San Michele di Paderno alle stazioni di Paderno e Calusco d'Adda. Il servizio va incontro alle richieste dei pendolari dopo la riapertura del ponte al transito ciclopedonale: ha infatti la finalità di garantire il collegamento tra i due scali ferroviari e le due estremità del ponte per i cittadini che hanno possibilità di percorrerlo a piedi, e dovrà assicurare le corrispondenze con le corse ferroviarie in arrivo e in partenza dalle stazioni di Paderno e Calusco. I bus attivi da lunedì compiranno un tragitto diretto tra il viadotto e gli scali ferroviari dei due paesi, in attesa della conclusione dell'iter procedurale che coinvolge le Agenzie del Tpl relativo all'attivazione dei bus circolari richieste dai sindaci.

Una statua di Leonardo sopra lo Stallazzo a Paderno

«Il nuovo servizio di navette - ha spiegato l'assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Terzi - si affianca a tutte le misure per la mobilità alternativa già messe in campo e che vengono confermate. L'obiettivo è attenuare i disagi dei pendolari riducendo i tempi di attraversamento dell'Adda, nella consapevolezza però che solo la riapertura del ponte al traffico stradale e ferroviario potrà riportare la situazione alla normalità».

Stanziati 450mila euro

La delibera per il finanziamento del servizio di navette verrà approvata dalla Giunta regionale lunedì. Costo: 450mila euro. «Risorse che vengono interamente anticipate dalla Regione, in attesa del rimborso da parte dello Stato, anche per ovviare ad alcuni passaggi procedurali che avrebbero dilatato i tempi - prosegue Terzi - Finora come Regione finanziamo servizi
sostitutivi per oltre 1.821.000 euro, di cui 1.121.000 euro per i bus (collegamenti tra la Bergamasca e la Brianza lecchese
attraverso il ponte di Brivio, servizio pullman per studenti, potenziamento linea bus Z301 tra Bergamo e Milano), 250mila 
euro per i treni aggiuntivi e 450mila euro per le navette ponte-stazioni». 

Un mese con Trenord

Il servizio sarà temporaneamente esercitato da Trenord fino a quando non entrerà in funzione il bus circolare gestito dalle
Agenzie del Tpl, e sarà attivo tutti i giorni dalle 5 alle 23; nelle fasce orarie "di punta" della mattina, del primo pomeriggio - in concomitanza con il rientro degli studenti dalle scuole - e della sera le navette partiranno ogni 15 minuti; nelle fasce orarie "di morbida" la partenza sarà ogni 30 minuti.

Le corse non effettueranno fermate intermedie; gli orari potranno subire variazioni in relazione alle condizioni del traffico stradale. Le informazioni relative al servizio di bus navetta e al servizio ferroviario sono disponibili sul sito trenord.it e sull'App Trenord. 

Con la conclusione dell'iter procedurale che coinvolge le Agenzie del Tpl di Bergamo e di Como-Lecco-Varese, sarà attivato un servizio di navette che collegherà le stazioni al ponte attraverso un percorso circolare e alcune fermate urbane, come richiesto dai sindaci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 89 casi in Lombardia. Domenica si ferma tutto lo sport anche a Lecco

  • Coronavirus: scuole chiuse nel Lecchese, supermercati presi d'assalto. Al "Manzoni" il contagiato valtellinese

  • Coronavirus: 173 casi in Lombardia, sei decessi. Migliorano le condizioni del giovane al "Manzoni". Treni: -60%

  • In arrivo ordinanza della Regione per chiudere le scuole in Lombardia

  • Lecchese positivo al Covid-19: è un dipendente della Snam di San Donato

  • Coronavirus, nuovo bollettino: quattordici contagiati, MilanoToday intervista il paziente "zero"

Torna su
LeccoToday è in caricamento