menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comune e Parrocchia di Osnago nel 2018 hanno "adottato" 19 famiglie

Funziona il "welfare di comunità" creato nel centro brianzolo: erogati 11mila euro come sussidio alla povertà dei residenti in paese, oltre che per scuola e sport

La solidarietà è nel segno di "un paese che si aiuta". Il progetto "Adotta una famiglia", istituito dal Comune e dalla parrocchia di Osnago, nel 2018 ha aiutato 19 famiglie per un totale di 59 persone, erogando 9.596 euro. 

Il progetto, nato otto anni fa per rispondere ai pesanti effetti della crisi economica, continua oggi a contrastare la povertà attraverso una pluralità di azioni, coordinate da una commissione formata dall'assessore ai Servizi sociali, dall'assistente sociale del Comune di Osnago e da due rappresentanti dell'associazione parrocchiale di volontariato "Il Pellicano".

Le famiglie osnaghesi sono state aiutate nel pagamento delle utenze, nelle spese per la casa e per i medicinali dei bambini, ma anche per il trasporto a scuola o gli alimenti. Si tratta di un vero e proprio "welfare di comunità" che nel 2018 ha consentito di raccogliere 11.062 euro e disposto uscite per 9.596 come sussidio economico per le famiglie in povertà, 4.030 per il progetto "Da studente a studente", 484 per borse sociali sport. Altre azioni del programma hanno riguardato lo sportello "Incontra lavoro" e il mercatino dei libri scolastici.

Mandello: maestri e alunni impegnati in una colletta allimentare

Nel 2018 i sussidi economici sono andati a 19 famiglie, di cui 6 comunitarie (14 persone) e 12 extracomunitarie (45 persone). Una componente significativa è stata erogata attraverso i buoni spesa-famiglia, forma di aiuto introdotta nel 2017 che unisce l'aiuto a un vantaggio per la comunità: i buoni vengono infatti erogati a chi vive situazioni di disagio economico ed esegue lavori di pulizia o di manutenzione, normalmente svolti da volontari.

La raccolta dei beni alimentari (nel 2018 aiutate 28 famiglie per un totale di 111 persone), intanto, prosegue, il primo sabato di ogni mese ma in Piazza Vittorio Emanuele in un gazebo allestito ad hoc (dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 19.30). Chi vorrà potrà acquistare alimenti a lunga conservazione da destinare alle famiglie del paese in difficoltà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento