rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Notizie Piazza Armando Diaz

Referendum cannabis, il Comitato fa (mezzo) passo indietro: “Il Comune di Lecco non ha colpe”

Palazzo Bovara aveva già spiegato come non fosse stata ricevuta alcuna richiesta

La smentita del Comune di Lecco era arrivata già poche ore dopo l'attacco. Ora il Comitato Referendum Cannabis Legale Lecco conferma: Palazzo Bovara non era inadempiente. In piazza Diaz, infatti, non è mai stata ricevuta “la richiesta di rilascio dei certificati di iscrizione alle liste elettorali a causa di un indirizzo Pec errato”. Il Comitato “ha già provveduto a rimediare a tale errore inviando una richiesta corretta”.

“Problema nazionale”

Un errore di comunicazione che impone al Comitato una precisazione: “Abbiamo sempre creduto nella buonafede di tutti i comuni citati, che si sono sempre dimostrati puntuali e disponibili nelle pratiche relative agli altri referendum di cui è in corso la raccolta firme: il nostro intento non era fare polemica con singole istituzioni, ma porre all’attenzione della stampa locale un problema nazionale che rischia di avere un impatto anche su molti lecchesi che hanno sottoscritto la campagna referendaria. Qualora la nostra azione dovesse aver causato disagio agli uffici, ce ne scusiamo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum cannabis, il Comitato fa (mezzo) passo indietro: “Il Comune di Lecco non ha colpe”

LeccoToday è in caricamento