menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il volantino che illustra il "Funerale Solidale" a 2.890 Euro.

Il volantino che illustra il "Funerale Solidale" a 2.890 Euro.

Costa troppo pure morire? Ecco allora il funerale solidale contro la crisi

Fa discutere l'originale scelta del Centro Servizi Funebri Val San Martino che ha diffuso 40.000 volantini per promuovere servizi scontati. «Parlare della morte è ancora tabù»

Un funerale solidale contro la crisi. Sta facendo discutere nel Calolziese l’iniziativa - senza dubbio insolita e originale - del Centro Servizi Funebri Valle San Martino che ha deciso di “scontare le esequie” per aiutare le famiglie provate dal dolore della perdita di un proprio caro. Nel promuovere il funerale solidale, lo staff guidato da Marco Sana ha anche aperto una pagina Facebook e diffuso ben 40.000 volantini nel territorio tra il Calolziese e l’Olginatese con il messaggio emblematico: «CSF Val San Martino taglia i costi per le famiglie!! Funerale solidale a 2.890 Euro». Spazio anche alla spiegazione: «Funerale completo con servizio fiori. Preventivi gratuiti per lapidi e monumenti in marmo».

Insomma, costa troppo pure morire? Ecco le esequie solidali… Se alcuni internauti e cittadini che si sono visti recapitare l’offerta anche nella buca delle lettere all’insegna del motto “parlarne allunga la vita” hanno apprezzato l’originalità dell’offerta, altri non l’hanno presa bene criticando l’iniziativa come troppo audace e irrispettosa. «Si sa, parlare della morte è ancora tabù, non è sempre facile - commenta Marco Sana, 35 anni, originario di Cisano - Ma noi non volevamo certo mancare di rispetto a nessuno, solo proporre un’offerta concreta alle famiglie in un periodo economico difficile, in cui anche le spese per un funerale possono creare difficoltà. E in molti hanno apprezzato l’intenzione positiva, o comunque ne stanno parlando dimostrando che il nostro messaggio è arrivato al mittente».

Il Csf Val San Martino, la cui sede si trova in corso Martiri della Libertà in centro Calolziocorte, non vuole però parlare di un semplice servizio funebre scontato. «Oggi un funerale costa in media 4.000 Euro con punte fino a 6.000, e la nostra proposta, caratterizzata da un servizio completo, nasce con un intento solidale. Parlare di semplice sconto non è appropriato, è un discorso più ampio. Anche nel nostro territorio, vuoi per la crisi economica o per la perdita di posti di lavoro, ci sono famiglie che hanno difficoltà quando si trovano, loro malgrado, a dover dare sepoltura a un proprio caro. E il nostro è un modo per venire incontro a queste famiglie». Sana ammette comunque l’attenzione all’aspetto promozionale «senza però voler mai mancare di rispetto alla sensibilità di nessuno».

L’aspetto pubblicitario e comunicativo caratterizza anche altre iniziative e messaggi del CSF Val San Martino, soprattutto sui social network. Sulla pagina Facebook dell’attività scorrono anche foto ironiche, come quelle che prendono in giro la politica per i suoi cronici ritardi, piuttosto che quelle di denuncia su problemi sentiti dai calolziesi come quello delle buche pericolose lungo le strade. E anche qui, parlando con leggerezza della morte, c’è chi ha storto il naso e chi invece ha apprezzato la sagacia e l’originalità.

«Da questo punto di vista stiamo raccogliendo qualche critica in più a Calolzio, dove i flayer stanno arrivando in questi giorni, rispetto agli altri comuni del circondario - conclude Marco Sana - Prossimamente promuoveremo con volantini e messaggi social il funerale solidale anche a Lecco. Sappiamo che ogni città reagisce potenzialmente in modo diverso». Chissà dunque come proseguirà la promozione di CSF Val San Martino. Chi vivrà - è il caso di dirlo - vedrà.

Nelle foto sotto lo staff del CSF Val San Martino e alcuni dei post più originali della loro pagina FB.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento