Un libro dedicato a don Giuseppe Milani e alla sua eredità umana e spirituale

«La maggior parte degli abitanti della Valle San Martino ricorderanno con affetto e devozione la figura di don Peppino: ha dato sostegno psicologico, spirituale e umano a tanti che nel bisogno si rivolgevano a lui»

L'eredità umana e spirituale di don Giuseppe Milani rivivono in un libro nel quale è possibile riscoprire l'insegnamento e la forza psicologica di un sacerdote a lungo un punto di riferimento per tanti abitanti del territorio calolziese. È stata infatti da poco pubblicata un'opera su don Peppino (nato il 27 luglio 1925 e deceduto il 17 agosto 2014), fortemente voluta dalla Comunità Montana Lario Orientale Valle San Martino e da Amabilia Milani, sorella del sacerdote di Calolzio. Il volume dal titolo “Don Giuseppe Milani. L'eredità umana e spirituale” è una sorta di biografia ricca di lettere e preziose testimonianze, che ripercorre la vita e la predicazione di un religioso molto conosciuto che ha legato la sua vita e la sua opera pastorale alla Valle San Martino. La pubblicazione è distribuita presso la libreria "Il viaggiatore leggero" a Calolziocorte.

Una borsa di studio per i futuri artisti della valle San Martino

«La maggior parte degli abitanti di Calolzio e dei comuni vicini ricorderà con affetto e devozione la figura di don Peppino, che ha dato sostegno psicologico, spirituale, umano a tanti che nel bisogno si rivolgevano a lui - ricorda Carlo Greppi, presidente della Comunità montana e vicesindaco di Vercurago - Le sue porte erano sempre aperte e per tutti egli aveva una parola di consiglio e di conforto: consiglio fondato sulla sua profonda conoscenza dell’animo umano, maturata dagli studi teologici, psicologici e dalla costante esperienza quotidiana come direttore spirituale; conforto, frutto di una fede profonda e vissuta che lo spingeva, negli ultimi anni della sua vita, a periodi di ritiro spirituale e distacco, dal sapore mistico. Il patrimonio spirituale e culturale che emerge dal suo esempio, dalla sua predicazione, dalle sue lettere non poteva rimanere nascosto. Ora la Comunità Montana - continua il presidente - è oltremodo lieta di rendere disponibile a tutti questa immensa ricchezza. I molti che hanno conosciuto don Milani rivivranno nella freschezza delle sue parole, a volte nel nostro amato dialetto, la sua presenza che sempre richiamava ad una Presenza più grande e più alta».

Non è tuttavia solo un interesse locale che ha mosso la Comunità montana a promuovere la pubblicazione di questa biografia spirituale. Man mano che si approfondivano la vita, la predicazione e le opere di don Peppino, sono emerse testimonianze ricchissime in ogni luogo dove egli ha pastoralmente operato o predicato esercizi e quaresimali. Tante persone attendono questo volume cui hanno partecipato con materiali, testimonianze, foto, lettere, ricordi.

Il presidente Greppi: «Don Milani sapeva ricostruire la fiducia, aiutando a capire i valori veri della vita»

«Chi lo ha sentito parlare, predicare, scrivere sa che la ricchezza di queste pagine è solo una piccola traccia del bene che don Giuseppe ha fatto e che ha lasciato a noi in eredità - aggiunge Greppi spiegando i motivi che hanno spinto un Ente come la Comunità montana a promuovere l'opera - segni indelebili e fecondi non sono lasciati sul territorio solo dagli elementi del suo patrimonio culturale e materiale, ma anche dalla vita e dall’operato di uomini come don Giuseppe Milani, il quale ha seminato nella gente e nei giovani la certezza di sentirsi amati personalmente, ridando fiducia e valore alla vita e restituendo la consapevolezza di quanto sia importante coltivare legami veri nella famiglia e all’interno della propria comunità: anche su questi fondamenti può realizzarsi un tessuto civile coeso e solido nei valori della condivisione e del contributo individuale e disinteressato di ciascuno al bene comune»​.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento