menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Canoa, nessuna gioia per Ripamonti neanche nel K4

L'atleta ballabiese, già provato dalla gara in coppia della mattina, non è riuscito a farsi valere

Per metà gara hanno fatto sognare migliaia di tifosi a riva e davanti ai televisori, ma il risveglio è stato piuttosto brusco. Il lecchese Nicola Ripamonti e Giulio Dressino, impegnati questa mattina sul K2 1.000 metri ai Campionati del mondo di canoa all'Idroscalo, hanno affrontato una finale gagliarda, senza riuscire però a centrare il podio e nemmeno l'obiettivo minimo, ovvero le prime sei posizioni che consegnano il pass per le Olimpiadi di Rio 2016.

Al K2 italiano non è bastata una partenza a razzo. Ripamonti e Dressino, infatti, sono scattati davanti a tutti e hanno tenuto un gran ritmo sino ai 500 metri; inevitabile, però, il progressivo calo delle forze, con la rimonta delle "big" alle loro spalle. La Germania, quarta ai 250 metri, si è riportata sotto dopo metà gara, e ai 750 metri il podio virtuale era Serbia-Germania-Italia. Nicola e il compagno di barca hanno stretto i denti ma nell'ultimo quarto sono crollati, facendosi passare da quasi tutte le altre imbarcazioni. Al traguardo, titolo mondiale per la Germania su Australia e Serbia, e soltanto ottava posizione per l'Italia.

L'amarezza per avere fallito il pass olimpico si è acuita nel pomeriggio, quando i due canoisti hanno affrontato la semifinale del K4 1.000 con Ricchetti e Battelli. L'Italia, con metà equipaggio provato dalle gare del mattino, non è andata oltre il settimo posto, molto lontana dalla qualificazione alla finale A che assegna le medaglie. Domani sarà soltanto finale B.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento