menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Olginatese, Zirilli si presenta: "Le responsabilità non mi spaventano"

Il forte centravanti ex Voghera e Novese è chiamato a sostituire Cristofoli, passato alla corte di Del Piano in quel di Castiglione

Alessandro Zirilli è il bomber scelto dall'Olginatese per sostituire Cristofoli, che ad inizio mercato ha lasciato i bianconeri per approdare nell'ambizioso Castiglione di Del Piano.

Il giocatore milanese è stato intervistato per il sito ufficiale della sua nuova squadra.

Buon giorno Alessandro. Ben arrivato a Olginate. Raccontaci come e perché hai deciso di scegliere la nostra maglia per la prossima stagione.

“Ho ricevuto una telefonata, ci siamo incontrati e non ho avuto dubbi. Tanto ha influito quello che mi hanno sempre detto i miei compagni di squadra che sono passati da Olginate negli ultimi anni. Mi hanno sempre parlato di una società sana, pulita, in cui ognuno sa quello che deve e può fare. Ne ho sempre sentito solo parlare bene. Devo ammettere che a una prima impressione avevano pienamente ragione”.

Parliamo di cifre. Più di quattrocento partite giocate tra professionismo ed Eccellenza, centosessantanove gol in…

“No, scusa se mi permetto, ma i gol per l’esattezza sono centottantaquattro tra campionato, Coppa e post season. Non so in quante presenze, ma sul numero dei gol sono sicuro”.

Meglio ancora! Con dei dati come questi, qui ci si aspetta molto da te.

“Ne sono consapevole. Sia per il ruolo che ricopro sia per la personalità che saprò dimostrare in campo e fuori. La responsabilità non mi spaventa. So quelle che sono le mie capacità, ho fiducia nei miei mezzi e sono convinto di poter dare tanto alla mia nuova squadra”.

Raccontaci che giocatore sei.

“Mi piace giocare per la squadra. Mi adatto alle situazioni e al sistema di gioco. Posso dialogare coi compagni, oppure andare negli spazi o giocare sui punti deboli degli avversari. Dipende tanto dalla partita”.

E sotto porta…

“Beh, non sta a me dirlo”.

Hai ragione, parlano i centottantaquattro gol.

Considerati gli arrivi di giocatori del calibro di Roberto Ronchetti, tuo compagno l’anno scorso alla Novese, Gianluca Greco, Roberto Bortolotto e le conferme dei vari Davide Cattaneo e Stefano Bono, che impressione hai a due settimane dall’inizio del ritiro?

“Siamo di fronte a una squadra importante. Aver mantenuto l’ossatura della scorsa stagione, faciliterà l’inserimento di noi nuovi che dovremo cercare di amalgamarci nel minor tempo possibile. Sarà fondamentale metterci a completa disposizione del mister e dei nuovi compagni”.

Che effetto fa avere come mister un ex compagno di squadra come Alessio Dionisi?

“Abbiamo giocato insieme a Voghera e negli anni abbiamo creato un rapporto schietto e sincero. La sua chiamata mi ha fatto molto piacere. Non vedo l’ora di lavorare con lui”.

Cosa desideri per la prossima stagione?

“Cercherò di dimostrare che la società ha fatto bene a credere in me. Voglio ripagarli e avere la certezza che, quando un giorno me ne andrò, a Olginate abbiano avuto piacere di vedere Alessandro Zirilli portare questa maglia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazione anti-covid, da giovedì possono prenotarsi 22mila lecchesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento