Asst-Rsu, si avvicinano le posizioni: trovato l'accordo su tre punti, il personale aumenterà

Lo scorso 25 giugno è stata aperta la procedura di conciliazione

Si avvicinano le posizioni tra Asst e Rsu con le Organizzazioni sindacali Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl Nursing Up. Nel pomeriggio di lunedì 6 luglio, nell'auditorium dell'ospedale "Manzoni" di Lecco, si è tenuta la procedura di conciliazione tra azienda e rappresentanti di lavoratrici e lavoratori. Insieme a loro Marcella Nicoletti, capo di Gabinetto della Prefettura lecchese.

Al termine dell'incontro si è giunti a un accordo su tre punti: saranno valorizzati gli Rls (rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza), ma soprattutto è previsto un aumento del personale entro il prossimo 30 novembre e le parti si impegneranno per tenere relazioni sindacali migliori.

«Il personale aumenterà»

«Siamo soddisfatti per essere riusciti a far capire alla dirigenza dell'Asst che servono assolutamente nuove assunzioni - afferma Catello Tramparulo, segretario generale Fp Cgil Lecco -. Ci sarà un'analisi condivisa tra azienda, rsu e sindacati, per poter capire di quante persone in più ci sarà bisogno. Solo in questo modo tutto il personale impegnato senza sosta nel periodo di emergenza sanitaria potrà tirare il fiato. Il coronavirus ci ha fatto capire che servono molte più lavoratrici e lavoratori in ospedale, non solo nei periodi di emergenza, ma sempre. La sanità è il bene più prezioso che abbiamo».

Non si ferma però la trattativa serrata con l'Asst. «Questo è solo un primo passo - sottolinea Tramparulo -, continueremo a tutelare in ogni modo le lavoratrici e i lavoratori di quella che è, di fatto, la più grande azienda della provincia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le richieste

Rsu e sindacati hanno avanzato le seguenti richieste lo scorso 25 giugno:

  • Mancata applicazione CCNL Sanità Pubblica sui “tempi di vestizione”.
  • Mancata applicazione accordi aziendali.
  • Mancata applicazione protocollo relazione sindacali (informativa).
  • Mancata assunzione di personale sanitario, tecnico e amministrativo.
  • Sicurezza: procedure attivazione protocolli e adozione documento valutazione dei rischi D.V.R. e DUVRI.
  • Attivazione indiscriminata della mobilità d'urgenza.
  • Mancata apertura ambulatorio stress correlato al lavoro, come da normativa nazionale.
  • Numero esorbitante di ferie residue e ore a credito per i lavoratori del comparto.
  • Controllo ambulatoriale di follow UP per tutti i dipendenti che sono stati ricoverati per Covid-19 e che hanno avuto problemi durante il periodo di quarantena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Postavano sui social video girati a Lecco con pistole e maceti, blitz della Polizia contro la "Baby Gang"

  • Coronavirus, il punto: oggi 96 nuovi casi nel Lecchese, oltre 35.000 tamponi in Lombardia

  • Coronavirus, il punto: numero record di positivi nel Lecchese, 198

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento