Bonus mamme domani 2020: informazioni utili

Bonus mamma domani anche nel 2020. L'Inps riconosce 800 euro ad ogni mamma indipendentemente dal reddito, per far fronte alle spese familiari in merito alla gravidanza

Anche nel 2020 lo Stato riconosce a tutte le famiglie il Bonus mamma domani, un incentivo di ben 800 euro per ogni mamma a partire dal settimo mese di gravidanza, per far fronte alle spese familiari in merito alla gravidanza. 

Bonus mamma domani: come funziona?

Il bonus, erogato dall’Inps in un’unica soluzione, è rivolto a tutte le donne che diventeranno mamme nel 2020. Questo spetta sia alle donne in gravidanza, che alle famiglie che adottano o accolgono in affidamento un bambino. Si tratta di un aiuto importante che lo Stato riconosce alle famiglie per far fronte alle spese affrontate durante la gravidanza e dopo il parto. 

Ricordiamo che dovrà essere l’interessata a fare richiesta all’Inps, in quanto il bonus non viene riconosciuto automaticamente. 

Requisiti

Se siete in dolce attesa, sarete sicuramente interessate a richiedere il bonus di 800 euro. Si tratta di una misura introdotta dalla Legge di Bilancio 2017 e resa strutturale nel 2018, il cui obiettivo è sostenere il reddito delle donne in gravidanza.
Dato che i primi mesi di gravidanza, dal punto di vista medico, sono i più a rischio, per richiedere il bonus, bisognerà aver superato il 7° mese di gravidanza.

Ecco quali sono i requisiti:

- residenza in Italia;
- cittadinanza italiana o comunitaria;

- le cittadine non comunitarie devono essere in possesso del permesso di soggiorno UE;

- adozione del minore, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184/1983;

- affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, comma 6, della legge 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34 della legge 184/1983.

Il bonus mamma domani è legato al numero di figli nati dal parto. Ciò significa che in caso di parto gemellare il contributo sarà di 1.600€.

Come fare domanda? 

La domanda per il premio alla nascita va presentata dopo il compimento del 7° mese di gravidanza e deve essere allegata con la certificazione sanitaria con cui il medico indica la data del parto. Nel caso in cui la domanda venga presentata dopo il parto, la mamma dovrà indicare la data e le generalità del bambino. 

Per i casi di adozione, invece, alla domanda deve essere allegato anche il provvedimento giudiziario. 

Nelle domande presentate dalle cittadine non comunitarie, deve esserci obbligatoriamente uno dei titoli di soggiorno indicati nel nel bando. 

La domanda si può inviare:

  •     direttamente online se possiede il PIN dispositivo INPS;
  •     telefonando al numero verde Inps;
  •     chiedendo informazione a CAF e Patronati. 

Una volta presentata la richiesta, si potrà verificare lo status facendo l’accesso alla propria area personale, in modo da farsi un'idea di quando arriverà il contributo di 800€.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Controlli anticovid nel Lecchese: due esercizi lecchesi vengono chiusi, nove i cittadini sanzionati

Torna su
LeccoToday è in caricamento