Attualità Piazza Armando Diaz, 1

Alla Piccola nasce la Piazza dell'Innominato: tre giorni di confronto sulla giustizia riparativa

In via Amendola partono momenti di confronto, musica e spettacoli per accendere un riflettore su un approccio indispensabile

Organizzato e promosso da CSV Monza Lecco Sondrio e Comune di Lecco attraverso il Tavolo lecchese per la Giustizia Riparativa nell’ambito delle iniziative in programma per il mese di luglio, da giovedì 8 luglio a lunedì 12 luglio presso la Piccola troverà spazio l’evento “Piazza dell’Innominato” - Innominate Vie, Lecco Restorative City e Racconti di GiustiziE nell’ambito del Luglio Lecchese. L’iniziativa ruota intorno all’idea di presentare e far conoscere alla città l’esperienza del tavolo per la giustizia riparativa, con momenti di ascolto di alcune testimonianze alternati a momenti più leggeri in cui le persone possano parlare e conoscersi.

«Inauguriamo, seppur virtualmente per ora, Piazza dell’Innominato - ha introdotto la presentazione l'assessore all'attrattività territoriale -. Nasce da un’idea condivisa qualche mese fa con l’assessore Manzoni, poi con CSV e la loro esperienza di giustizia riparativa. Vogliamo continuare a dare all’area della Piccola contenuti e proposte che facciano conoscere questo spazio come un posto dove poter trascorrere il tempo in tempo nuovo e innovativo, lasciandosi anche provocare da temi non abituali. Il secondo obiettivo è legato alla scelta di voler aprire il dialogo alla città: sono molto legato a uno spettacolo teatrale visto della pandemia, in cui dopo una caduta (la capriola), si riparte e si apre un dialogo. È un’eccellenza a livello nazionale, talvolta determinati tesori rimangono nascosti al resto della città; quella piazza conterrà tanti momenti dedicati alla città».

presentazione piazza dell'innominato 8 luglio 20216 Giovanni Cattaneo-2

«Parliamo alla città di tematiche non comuni - gli fa eco Emanuele Manzoni, assessore al welfare -. Penso che questo sia un momento di approfondimento e l’occasione giusta per parlare di azioni sociali forti e dirompenti, che propongono un modello molto partecipativo; un modello necessario, di questi tempi. Le vittime di reato s’incontrano e riparano dei legami che si sono rotti. Inoltre, questo momento restituisce un concetto chiaro: servono corresponsabilità e solidarietà, Lecco si conferma una città riparativa. L’Amministrazione sta rianimando uno spazio che i lecchesi fondamentalmente non conoscevano, ma un cambiamento deve includere per poter essere significativo e profondo».

presentazione piazza dell'innominato 8 luglio 20214 Emanuele Manzoni-2

Il programma della tre giorni

Il programma prevede momenti di confronto e momenti di intrattenimento a tema a partire dalle 18:30 di giovedì (conferenza stampa e inaugurazione). A seguire, dopo un momento musicale “Biscotti Biscotti Ensemble Ensemble”, alle 21 si terrà la tavola rotonda “Racconti di giustiziE” con la dottoress  Bruna Dighera, psicologa giuridica e referente del Tavolo lecchese per la Giustizia Riparativa, a dialogare con la Direttrice della Casa Circondariale di Lecco Antonina D’Onofrio, Maria Grazia Sucato, funzionaria dell’ Ufficio Esecuzione Penale Esterna, Andrea Di Stefano, vicepresidente dell’associazione comunità Il Gabbiano ODV e Renato Ferrario, presidente della cooperativa sociale L’Arcobaleno. La tavola rotonda inaugurerà i momenti dedicati agli “incontri con i libri viventi” in programma anche sabato 10 luglio dalle 17 alle 20 e lunedì 12 luglio dalle 19 alle 21, incontri della durata di un’ora ai quali si accede solo su prenotazione, da fare entro martedì 6 luglio a questo collegamento oppure scriendo a s.carozzi@csvlombardia.it o al numero 3288795784, indicando il giorno e l’orario in cui si intende partecipare.

Il volantino riassuntivo

Venerdì alle 21 sarà la volta del convegno “Innominate Vie. Lecco Restorative City”, per un approfondimento sull’approccio riparativo e sulla giustizia delle relazioni che sarà aperto dagli interventi del  Sindaco di Lecco Mauro Gattinoni, del Prevosto di Lecco, don Davide Milani e del coordinatore dell’ufficio dei piani del Distretto di Lecco Ruggero Plebani. Nel corso della serata la dottoressa Bruna Dighera dialogherà con il professor Ivo Lizzola dell’Università degli studi di Bergamo, la professoressa Patrizia Patrizi dell’Università degli Studi di Sassari, membro del board del Forum Europeo per la Giustizia Riparativa. Per partecipare è necessario prenotare a questo collegamento oppure scrivere a s.carozzi@csvlombardia.it. In caso di maltempo tutte le iniziative si terranno presso la sede del Politecnico, in via Previati 1/C.

Tra i momenti di intrattenimento, sabato alle 20, sempre alla Piccola, andrà in scena un’attesa anteprima: la preview del festival “Con la testa all’insu” con esibizioni della compagnia Sonic. In caso di maltempo, lo spettacolo si terrà il giorno seguente, sempre alla Piccola.

«Unici in Italia»

Micaela Furiosi della cooperativa Arcobaleno è tra le promotrici: «La cooperativa ha intuito fin da subito che dialogare attorno ai tre modelli di giustizia era una grossa opportunità per incidere nell’ambito dei processi di accoglienza delle persone ristrette. La collaborazione tra Arcobaleno e Tavolo si è consolidato nel corso degli anni. È importante condividere valori e principi della giustizia ripartiva nella comunità allargata all’interno della quale nascono i conflitti. All’interno della Piccola si muovo eventi per giorni interi, in continuità».

presentazione piazza dell'innominato 8 luglio 20213 Micaela Furiosi-2

Parole confermate da Andrea di Stefano, vicepresidente del Gabbiano: «Vanno create le occasioni per rendere il tutto un processo di comunità, approcciandosi in modo innovativo alla giustizia penale. Le dinamiche violente delle carceri che stiamo conoscendo in questi giorni non sono così poco comuni; dal nostro punto di vista questi percorsi di giustizia riparativa sono gli unici validi per riparare le fratture che si vengono a creare. Vogliamo portare le vittime di reati in una realtà aperta, in cui la comunità costruire le condizioni per arrivare alla riparazione, oggettivamente difficile da far comprendere. Credo in una giustizia in grado di curare le fratture, l’espulsione dalla comunità dei soggetti enfatizza i problemi accentuando il fenomeno delle recidive».

presentazione piazza dell'innominato 8 luglio 20212.jpeg Andrea di Stefano-2

Il Centro Servizi Volontariato ci ha messo molto del suo: «Voglio ringraziare non banalmente gli assessori Cattaneo e Manzoni, perché hanno rimosso gli ostacoli che organizzativamente sono nati, favorendo operativamente la nostra presenza; non è una cosa che si vede così spesso - conclude Lucio Farina -. Da stasera vogliamo raccontare l’approccio riparativo e la sua potenziale applicazione. Abbiamo creato una biblioteca vivente con dieci racconti diversi riguardanti storie di giustizia; presenteremo queste testimonianze e le faremo incontrare con i cittadini, facendo capire come e dove Lecco è una città riparativa; proietteremo un video che racconta gli ultimi due anni di pratiche messe in atto. Questo ci rende un unicum in Italia».

presentazione piazza dell'innominato 8 luglio 20211 Lucio Farina-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla Piccola nasce la Piazza dell'Innominato: tre giorni di confronto sulla giustizia riparativa

LeccoToday è in caricamento