In tre in auto a 70 chilometri da casa per prendere la droga, scoperti dalla Stradale

Domenica, nel pieno delle restrizioni anti Covid-19, tre giovani sono partiti da Morbegno per raggiungere la Brianza lecchese. Ai poliziotti del Comando di Bellano, che li hanno trovati con hashish e coca, hanno detto di essere di rientro da una gita a Calolzio

Percorrono, tra andata e ritorno, 140 chilometri di strada in tre sulla stessa auto per andare a prendere la droga per uso personale. Le misure restrittive e l'obbligo del "Restate a casa" è stato completamente ignorato da tre giovani residenti a Morbegno che nel pomeriggio di ieri, domenica, sono stati intercettati da una pattuglia della Polizia Stradale di Bellano all'altezza dello svincolo della SS38, al trivio di Talamona, all'altezza di Cosio Valtellino, a poca distanza dall'arrivo nel loro comune in provincia di Sondrio.

Segnalati e denunciati

I tre giovani, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, stavano uscendo allo svincolo di Cosio, e proprio in quel punto sono stati fermati dalla Stradale. Alla richiesta degli agenti di motivare l'uscita di casa - per di più in tre insieme, e fuori dal comune di residenza - i diretti interessati hanno risposto che si erano recati a Calolziocorte per fare un giro. Come se non bastasse, a seguito di ulteriori verifiche, sono stati trovati in possesso di alcuni quantitativi di droga per uso personale, in particolare hashish e cocaina.

Stando a ulteriori ricostruzioni da parte delle forze dell'ordine, la droga sarebbe stata recuperata in zona Bosisio Parini, nella Brianza Lecchese, a 70 chilometri da casa. La stessa Calolzio, presa come scusa, si trova al confine con la provincia di Bergamo e quindi a notevole distanza da Morbegno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre alla segnalazione all'Autorità competente per possesso di sostanze stupefacenti, i tre valtellinesi sono stati denunciati per aver violato l'obbligo di non uscire di casa se non per motivi di lavoro, salute o reale necessità, in base al DPCM del 9 marzo 2020, e all'aticolo 650 del codice penale.

Violazione del Dpcm: domenica altre 60 denunce nel Lecchese, oltre 400 in totale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

  • Covid-19, la Asst Lecco fa chiarezza: al momento terapie intensive vuote

  • Covid-19, nuova ordinanza regionale: nuove regole per bar e ristoranti, "stop" alle competizioni dilettantistiche da contatto

  • Il governatore Fontana firma l'ordinanza: stop a movida e allo sport dilettantistico

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Offerte di lavoro, Sport Specialist assume personale nel Lecchese: come candidarsi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento