Igiene in cucina: utensili da sostituire con frequenza

L'igiene in cucina è molto importante. Ci sono oggetti che andrebbero sostituiti con una certa frequenza, per evitare il proliferare di germi e batteri. Vediamo quali sono

Gli utensili fanno parte della nostra cucina, il loro scopo è quello di aiutarci a tenere tutto in ordine e pulito. Se non sostituiti spesso, però, possono trasformarsi in veri e propri nemici della nostra salute.

Vediamo cosa bisogna cambiare spesso in cucina per evitare il proliferare di germi e batteri o brutte sorprese:

- Padella antiaderente. La padella antiaderente, se non viene pulita, a temperature più basse può generare un fumo incolore e inodore. Segno che è ora di sostituirla.

- Contenitori di plastica. I vecchi contenitori di plastica potrebbero non rispettare le norme di sicurezza vigenti. In tal caso, è bene sostituirli. 

- Tagliere. Il tagliere, sia di plastica che di legno, dovrebbe essere sostituito almeno una volta all’anno. Se il sapone e l'acqua riescono a pulire la sua superficie, è difficile disinfettare angoli e tagli, dove i batteri vanno a nascondersi. 

- Spugna. Uno degli oggetti che deve essere cambiato almeno una volta al mese, è sicuramente la spugna per i piatti, terreno fertile per batteri. Per disinfettarle è consigliato lavarle con acqua calda e metterle nel microonde per 30 secondi.

- Strofinaccio per piatti. Esattamente come le spugne, anche gli strofinacci usati per asciugare mani e piatti nascondono milioni di batteri. Sarebbe bene lavarli frequentemente ad alte temperature, o sostituirli del tutto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo digitale terrestre 2021: ecco cosa cambia e le date del passaggio

  • Canone Rai: come richiedere l'esenzione per l'anno 2021

  • Cappe da cucina: le tipologie per una casa smart

  • Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • Bollette luce e gas: come ottenere la rettifica

Torna su
LeccoToday è in caricamento