menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli antistrage nel Sondriese: fermato un uomo lecchese, guidava ubriaco

I carabinieri hanno effettuato vari controlli nel corso dei primi giorni dell'anno: «Stragi come quella del Trentino vanno evitate»

L’anno è iniziato da pochissimi giorni ma sono già 8 le patenti ritirate e 4 i guidatori denunciati alla Procura della Repubblica di Sondrio dai carabinieri della provincia di Sondrio (con un tasso alcolemico superiore a 0,8 gr/l scatta la denuncia penale), il maggior numero di casi nell’area di Morbegno e Bormio; protagonista anche un residente nella provincia di Lecco.

I militari della Compagnia di Tirano, a seguito dei controlli effettuati a Bormio, hanno sanzionato e ritirato le patenti ad un 30enne di Valdisotto e un lecchese di 54enne, entrambi operai; il 30enne avendo un tasso alcolemico di 1,77, ancora in salita (il tasso alcolemico aumenta gradualmente dopo l’assunzione di alcool, raggiunge il suo picco per poi scende), è stato denunciato in stato di libertà alla Procura. A Valdisotto, in piena notte, i Carabinieri della Stazione di Bormio hanno sorpreso alla guida in stato di ebbrezza alcolica un professionista milanese 35enne, anche lui denunciato avendo un tasso superiore a 0,8 gr/l.

Gli altri controlli nel Sondriese

«Alla luce dei recenti e tragici fatti del Trentino, è quanto mai attuale l’esigenza di richiamare l’attenzione degli utenti della strada ad evitare di assumere alcolici prima di mettersi alla guida, per la propria e l’altrui sicurezza - spiegano dal Comando Provinciale di Sondrio -. Per evitare che simili eventi si possano ripetere e garantire alti livelli di sicurezza stradale, l’attenzione dei Carabinieri in provincia è massima ed i controlli costanti, dall’Alta Valle alla Valchiavenna, durante l’intero arco della giornata ed anche durante i giorni di festa quando nella provincia di Sondrio si riversano migliaia di turisti. È l’arco notturno quello durante il quale sono state ritirate il maggior numero di patenti ma non sono mancati controlli con esito positivo nel tardo pomeriggio. C’è stato anche un episodio nel corso del quale il controllato, in evidente stato di ebbrezza, non solo si è rifiutato di sottoporsi al test dell’etilometro ma ha anche insultato i militari e cercato di ostacolarne l’operato, probabilmente per sfuggire alla sanzione. È bene ricordare che rifiutarsi di sottoporsi all’alcooltest non è scappatoia per evitare sanzioni nel caso si guidi dopo aver assunto alcolici: infatti, esiste uno specifico articolo del codice della strada che sanziona il rifiuto di sottoporsi all’etilometro sia con una multa che con il ritiro della patente ai fini della sospensione; in questi casi, le Prefetture alle quali viene inviata la patente considerano grave o comunque fraudolenta la condotta ed applicano sospensioni della patente di almeno 6 mesi».

In Chiavenna e Traona i Carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Chiavenna hanno denunciato in stato di libertà e ritirato le patenti ad un operaio 30enne dell’Alessandrino e a una 26enne; quest’ultima, fermata alla 5 del mattino, è quella che aveva il tasso alcolemico più alto: 2,30 ed ancora in salita (in Trentino il tasso riscontrato era al di sotto del 2) mentre l’operaio 30enne aveva un tasso di 1,79 gr/l in salita. 

I Carabinieri del Radiomobile di Sondrio, nella zona di Morbegno, hanno ritirato 3 patenti: la prima ad uno studente 20enne, la seconda ad un operaio trentenne mentre per il terzo guidatore, un 35enne che aveva un tasso di 1.2 gr/l, oltre al ritiro della patente è scattata la denuncia penale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento