Civate: tragedia nei boschi, rinvenuto il corpo di un escursionista disperso

Il cadavere del 75enne è stato rinvenuto dopo qualche ora di ricerca operata dal Soccorso Alpino

Una fase delle ricerche condotte da pompieri e Soccorso Alpino

Hanno avuto un pessimo epilogo le ricerche operate, a partire dalle ore otto di sera, da varie squadre di soccorso nei boschi che attorniano Civate. Lì si sono concentrati gli sforzi per rinvenire E.B., 75enne di Merone (Como), disperso dalla serata di martedì: il suo corpo, purtroppo senza vita, è stato ritrovato poco prima della mezzanotte nella zona del Corno Birone. A lanciare l'allarme erano stati gli stessi famigliari della vittima, impauriti dal mancato rientro dell'escursionista.

Al lavoro si sono messi i tecnici del Soccorso Alpino, unitamente a Vigili del Fuoco con una squadra S.A.F. (Speleo Alpino Fluviale) e carabinieri. In volo, per dar manforte alle squadre intervenute via terra, si è levato anche un elicottero fatto decollare dalla base di Villa Guardia (Como). Nelle prossime ore saranno chiarite le cause che hanno portato al decesso della vittima. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'allarme e le ricerche

«L'uomo era uscito nel corso di mercoledì pomeriggio - fa sapere il Soccorso Alpino -, verso le 13:00, per effettuare un’escursione. Il mancato rientro per l’ora di cena ha fatto scattare l’allarme. Alle 19:00 è stato allertato il Soccorso alpino, stazione del Triangolo Lariano della XIX Delegazione Cnsas. Le squadre lo hanno rintracciato nella zona del Corno Birone, lungo il sentiero verso il Monte Rai. Sul posto l’elicottero di Como, abilitato per il volo notturno. Il medico ha constatato la morte. I tecnici hanno provveduto a imbarellarlo e il recupero è stato particolarmente complesso, perché si trovava in una zona impervia. Inoltre il buio rende sempre più lunghe e difficili le operazioni. I soccorritori, 15 in totale, lo hanno imbarellato, poi con una serie di salite in contrappeso e calata con barella portantina hanno recuperato la salma. L’uomo, che era uscito da solo, conosceva molto bene il posto; in corso di accertamento la ricostruzione della dinamica dell’accaduto. L’intervento è terminato all’una e mezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Postavano sui social video girati a Lecco con pistole e maceti, blitz della Polizia contro la "Baby Gang"

  • Coronavirus, il punto: oggi 96 nuovi casi nel Lecchese, oltre 35.000 tamponi in Lombardia

  • Coronavirus, il punto: numero record di positivi nel Lecchese, 198

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento