rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Cronaca

Guida il Besanino prima di morire a tre anni: la storia di Giacomino

Il piccolo, affetto da leucemia, è riuscito a realizzare il suo sogno di fare il capotreno per un giorno

Giacomo, anzi, Giacomino: tre anni e un sogno, quello di diventare capotreno, un sogno come ne hanno tutti i bambini. Tre anni e una battaglia troppo grande per lui, contro una leucemia in fase di progressione inarrestabile, impossibile da fermare. Che però, per un giorno, è diventato davvero capotreno.

Nei mesi scorsi, infatti, il Comitato Maria Letizia Verga, che si occupa dello studio delle leucemie infantili e dell'assistenza ai bambini malati, è riuscita con Trenord a realizzare il sogno del piccolo: con il cappello troppo grande sulla testa e il fischietto al collo, Giacomino è salito a bordo del Besanino partito da Lecco e diretto a Milano Porta Garibaldi alla stazione di Monza e ha "tenuto i comandi" dalle 11:33, ora della partenza dal capoluogo brianzolo, fino all'arrivo alla stazione di Macherio, alle 11:54.

«È stata una mattina “memorabile” - racconta Momcilo Jankovic sul notiziario online del Comitato - non esagero, ma il sorriso e la gioia di Giacomino sono stati il grazie più bello all’impegno di Tiziano e Paolo di Trenord e alla loro meravigliosa solidarietà».

Il piccolo Giacomo si è spento qualche mese dopo aver realizzato il suo sogno, per colpa di una malattia che non si è fermata davanti a nulla, ma ha lasciato nel cuore dei suoi genitori i ricordi di quei sorrisi che solo un bambino può avere quando il suo sogno più grande diventa reale.

Leggi l'articolo completo sul notiziario del Comitato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guida il Besanino prima di morire a tre anni: la storia di Giacomino

LeccoToday è in caricamento