rotate-mobile
Contromisura / Centro storico / Strada Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga

Frana sulla Lecco-Ballabio: si sale dalla "vecchia", camion in alternanza

Il sindaco Mauro Gattinoni ha comunicato le prime misure prese per gestire la viabilità fino al termine dell'emergenza

Un salto indietro di sedici anni e mezzo per gestire l'emergenza della Lecco-Ballabio. Come accadeva prima del febbraio 2006, quando venne inaugurata l'agognata arteria di 9 chilometri abbondanti che lega lega la città capoluogo al più popoloso dei nuclei abitati in Valsassina, sono due le direttrici da tener presenti: la prima è la vecchia Lecco-Ballabio, ovvero la Strada Provinciale 62 che percorre i rioni di Lecco alta, la seconda quella più lunga che porta verso Bellano e, sempre attraverso la Provinciale, congiunge a Taceno.

È stato immediatamente attivato il Protocollo di Emergenza sotto la guida della Prefettura di Lecco, che vede coinvolti i comuni di Lecco e Ballabio e la Provincia di Lecco. “Sulla strada denominata vecchia Lecco-Ballabio sarà istituito senso unico alternato di marcia per i mezzi pesanti, con punto di blocco in zona Camera di Commercio e un altro in zona ponte della Gallina. Allo stesso tempo si raccomanda fortemente agli escursionisti di non percorrere i sentieri con imbocco da Versasio, Bonacina e Ballabio”, ha fatto sapere il sindaco Mauro Gattinoni.

È arrivata la neve, disagi in Valsassina: autobus finisce fuori strada

“Constatate le condizioni meteorologiche si raccomanda di utilizzare il mezzo privato solo se strettamente necessario. Considerata l'entità del distacco, che non ha causato vittime, non è possibile prevedere al momento una riapertura in tempo breve della strada interessata: si raccomanda massima attenzione”, aggiunge il primo cittadino in un breve messaggio rivolto alla popolazione.

Tecnici di Anas e Regione Lombardia sono, nel frattempo, impegnati sulla statale Lecco-Ballabio, interessati agli sviluppi della vicenda. Il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini, riferisce il Mit, sta seguendo in prima persona l'evoluzione dei fatti.

Frana sulla Lecco-Ballabio: le strade alternative

La frana è dunque avvenuta al confine tra i comuni di Lecco e Ballabio. Per chi si trova in Valsassina e deve scendere verso la città capoluogo, le strade a disposizione sono ora due: o la vecchia Lecco-Ballabio con transito nel rione di Laorca, oppure la Strada provinciale 62 Taceno-Brellano che conduce in zona lago e si ricollega alla Statale 36, Sondrio-Lecco-Milano. Ora, preso atto della buona notizia dei due automobilisti "miracolati", l'attenzione si sposta sui tempi per la messa in sicurezza e il ripristino della Lecco-Ballabio. I tempi non si annunciano brevi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana sulla Lecco-Ballabio: si sale dalla "vecchia", camion in alternanza

LeccoToday è in caricamento