menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lecco, Movimento 5 stelle sull'edilizia scolastica: "Inerzia dall'amministrazione"

Per i pentastellati lecchesi il Comune dovrebbe attivarsi per chiedere accesso all'8 per mille e ai finanziamenti regionali per gli interventi sulle scuole.

L'assenza di rappresentanti in Consiglio comunale non è certo un deterrente per il Movimento 5 stelle cittadino: in attesa di presentarsi alle elezioni del 2015, infatti, i pentastellati lecchesi hanno deciso di partecipare a tutte le sedute del Consiglio e delle Commissioni, in modo da verificare l'andamento dei lavori in vista dell'appuntamento alle urne.


Proprio nell'ambito del Consiglio comunale svoltosi lo scorso 29 settembre i 5 stelle rivolgono una critica all'Assessore al bilancio Elisa Corti, la quale, nella sua relazione, ha dichiarato che  la mancata iscrizione del Comune di Lecco all’accesso ai fondi dell'8x1000 destinati all'edilizia scolastica fosse da imputare non solo alla mancata predisposizione di progetti esecutivi, ma anche all'impossibilità di reperire la modulistica necessaria.


I pentastellati lecchesi, per quanto riguarda i progetti, lodano l'iniziativa del Provveditorato agli studi, che ha iniziato una mappatura degli interventi più urgenti dopo l'episodio pericoloso accaduto alle elementari di Maggianico: così facendo, l'ente ha sopperito a quella che i "grillini" definiscono «l'inerzia delle Amministrazioni Comunale e Provinciale».


Dal punto di vista della modulistica relativa all'8x1000, invece, il Movimento 5 stelle sollecita, non senza una nota polemica, il Comune a reperire dal web il fac-simile della domanda dal sito della Presidenza del Consiglio, seguendo l'esempio di altri Comuni del territorio.


Nel comunicato diffuso dai pentastellati, inoltre, si sottolinea come non ci sia stato alcun cenno, in Consiglio comunale, al bando regionale per il cofinanziamento all'edilizia scolastica, che costituirebbe una valida alternativa ai fondi dell'8x1000: il Movimento si dice preoccupato, perché la vicina scadenza del bando (28 novembre) comporterebbe il rischio che la città non abbia accesso a dei finanziamenti utilissimi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento