Passa la mozione in Regione: chiesto alle scuole di ricordare Sergio Ramelli, giovane di estrema destra, ed Enrico Pedenovi (Msi)

La decisione è stata presa dal Consiglio regionale della Lombardia che ha votato una mozione presentata da Franco Lucente di Fratelli d'Italia. Il Pd: «Operazione strumentale»

Una delle manifestazioni in ricordo di Sergio Ramelli

Nelle scuole della Lombardia, una volta all'anno, dovranno essere ricordate le morti di Sergio Ramelli, militante neofascista, ed Enrico Pedenovi, consigliere provinciale del Movimento Sociale Italiano, come vittime degli Anni di piombo.

La decisione, senza precedenti, è stata presa martedì dal Consiglio regionale della Lombardia che ha votato una mozione presentata da Franco Lucente di Fratelli d'Italia. A favore hanno votato tutte le forze di maggioranza, contrario il Pd, astenuto il Movimento 5 Stelle. In tuto: 42 voti a favore, 14 contrari e 1 astenuto. 

La notizia su Milano Today

Lucenti, con la mozione, ha chiesto che ogni anno, nelle aule delle scuole secondarie di secondo grado, vengano ricordati Sergio Ramelli e Enrico Pedenovi (il primo militante del Fronte della Gioventù, il secondo uomo politico del Movimento Sociale Italiano), «vittime dell'odio politico di quegli anni» (morti, rispettivamente il 29 aprile 1975 e il 29 aprile 1976). L'invito alla Giunta regionale è che si faccia portavoce presso l'Ufficio scolastico regionale affinchè in prossimità di quella ricorrenza nelle classi degli istituti lombardi entrambi vengano ricordati insieme a tutti i caduti «degli anni di piombo», organizzando dibattiti su quei fatti «per condannare, con la loro storia, atti di violenza ancora oggi troppo frequenti».

Una decisione che non mancherà di creare polemiche, e che in parte le ha già create. «È una grave operazione strumentale di una parte contro l'altra - le parole del capogruppo in Consiglio regionale Fabio Pizzul del Pd - Se ci fosse stata davvero la volontà di ricordare tutti i morti di quel periodo triste e scellerato, come noi avevamo chiesto di fare, non si sarebbe partiti da una mozione che proponeva esclusivamente le vicende di Ramelli e Pedenovi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento